×

Toscana a rischio zona arancione: indice di contagio in aumento

La Toscana è a rischio zona arancione: l'indice di contagio Rt potrebbe essere nuovamente tornato sopra l'1.

Toscana a rischio zona arancione

La Toscana potrebbe correre il rischio di diventare zona arancione dalla prossima settimana: i dati preliminari suggeriscono un aumento dell’indice di contagio che si teme possa essere tornato superiore alla soglia critica dell’1.

Toscana a rischio zona arancione

É atteso per la giornata di mercoledì 10 febbraio l’invio del calcolo del fattore di replicazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Il timore, come suggerito dai contagi degli ultimi giorni, è che l’andamento dell’epidemia abbia subito un peggioramento tale da far aumentare l’indice Rt e portare la regione a introdurre nuove limitazioni. Dopo un lungo periodo di zona gialla la Toscana ha infatti visto un continuo aumento dei casi settimanali.

Nella settimana tra lunedì 1 e domenica 7 febbraio sono stati 4.162 i nuovi positivi contro i 3.497 di quella precedente, con un incremento del 19%. Un dato che rende l’idea di una tendenza in aumento ma che non è quello che serve per calcolare l’indice di contagio, che si basa invece sui nuovi positivi sintomatici.

Un numero che non viene reso noto nell’invio quotidiano dei dati alla Protezione civile. Se le paure dovessero rivelarsi fondate e la regione dovesse diventare arancione, il giorno del cambiamento di colore dovrebbe essere la domenica, come previsto dalle ordinanze emanate il venerdì precedente dal ministro alla Salute.

La zona arancione prevede, tra le altre limitazioni, la chiusura di bar e ristoranti per tutto il giorno tranne che per l’asporto e le consegne.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora