×

Focolaio Covid in R.S.S.A a Fasano, dopo richiamo vaccino. Il Sindaco spiega su Fb

Il focolaio covid nel brindisino si è diffuso in una r.s.s.a in quanto non c'è stato il tempo di sviluppare gli anticorpi afferma il sindaco

focolaio covid sindaco fasano

“Il vaccino non ha avuto tempo per sviluppare pienamente gli anticorpi e questo non ha potuto impedire che il virus si diffondesse” con questo annuncio sui social, il Sindaco di Fasano ha spiegato il focolaio covid in una R.s..s.a di Fasano ( provincia di Brindisi)

Focolaio covid in R.s.s.a del brindisino

Nonostante avessero ricevuto la seconda dose di vaccino il 4 febbraio, 43 persone tra ospiti e personale sanitario di una R.s.s.a in provincia di Brindisi sono risultati positivi al Covid-19. Lo annunciato lo stesso Sindaco del comune di Fasano dove si trova la struttura: “Oggi le autorità preposte hanno comunicato a me e a don Sandro Ramirez la positività di 43 persone all’interno della R.S.S.A.

‘Sancta Maria Regina Pacis’. Ad aver contratto il virus sono 33 ospiti e 10 componenti dello staff sanitario. La buona notizia è che al momento tutti stanno bene: sono asintomatici e in buona salute”.

Il Sindaco: “ecco perchè il vaccino non ha potuto impedire focolaio”

Il Sindaco ha poi spiegato il motivo per il quale il focolaio si sia diffuso nonostante l’avvenuta vaccinazione: “Sia gli ospiti che gli operatori erano già stati sottoposti alla vaccinazione completa e il richiamo era stato effettuato lo scorso 4 febbraio.

Purtroppo il vaccino non ha avuto tempo per sviluppare pienamente gli anticorpi e questo non ha potuto impedire che il virus si diffondesse, ma aver completato il percorso di vaccinazione sta consentendo, fino a questo momento, un decorso della malattia sereno e senza complicazioni particolari. Pertanto, l’invito che rivolgo a tutti è quello di avere fiducia nella scienza e di vaccinarsi non appena sarà possibile”.

Il primo caso di positività

Da quanto hanno riportato alcuni media locali, il primo caaso di positività è stato registrato l’8 febbraio, quando una anziana si è recata in ospedale per altri motivi e dal tampone di routine per gli accessi alle strutture ospedaliere è risultata positiva.

Divisione della struttura in 3 zone

Sempre i media locali riferiscono che – a tutela di chi al tampone è risultato negativo – la R.s.s.a è stata suddivisa in tre zone: covid, sospetti covid (in quanto venuti a contatto con altri ospiti della struttura risultati positivi) e un’ area “covid free”.

Contents.media
Ultima ora