×

Covid, Crisanti: “Ricciardi ha ragione, i politici sono in ritardo”

Crisanti: "I politici sono sempre in ritardo, con il covid servono scelte decise".

Covid Crisanti politici in ritardo

Continua il dibattito tra medici ed esperti su quale possa essere la strada migliore da percorrere per arginare la diffusione del covid, e delle sue varianti, in Italia. Il primo ad esporsi per chiedere un cambio di strategia è stato Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, che ha invocato un lockdown generale di almeno un mese per bloccare sul nascere un possibile terza ondata.

Molte le critiche ricevute dal consigliere, ma anche tanta solidarietà da parte di alcuni suoi colleghi. Tra questi c’è Andrea Crisanti, Direttore di Microbiologia e Virologia dell’A. O. Università di Padova, che nel suo intervento ad Agorà su Rai Tre ha sottolineato l’importanza della richiesta di Ricciardi e fatto notare come i politici siano sempre in ritardo sulle decisioni che invece andrebbero prese con maggiore tempismo.

Covid, Crisanti: “I politici sono in ritardo”

L’agenda – dice Crisanti – non la decidono né i politici né gli esperti: la decide il virus. Finché non lo controlliamo la realtà è questa. Bisogna mettersi l’anima in pace su questa cosa. Quindi ha fatto benissimo Ricciardi a sollevare l’allarme su questa problematica perché i politici, in genere, si sono, nel passato anche, mossi sempre in ritardo. Sempre.

Lo stesso microbiologo ricorda alcuni errori del passato che non andrebbero ripetuti: “Il problema del ministro Speranza è stato quello che è stato esitante di fronte a spinte di parte.

Se a maggio avessimo prolungato il lockdown di altri 15-20 giorni avremmo azzerato i contagi, avremmo potuto blindare l’Itala. Ma chiaramente – aggiunge Crisanti – c’era chi doveva aprire le spiagge, c’era chi doveva fare le discoteche, è un continuo. L’agenda qui la detta il virus, non la detta il commerciante. Se continuiamo così non ne usciamo”.

L’analisi dell’esperto si sofferma poi sulla composizione del Cts, in questi giorni sotto accusa da parte della Lega che ne chiede il cambio nelle figure decisionali. Crisanti sul tema ritiene che la squadra tecnica andrebbe implementata con persone che questa epidemia l’hanno vista sul campo: “C’è chi la ha vista in televisione e chi l’ha vista sul campo”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora