×

Covid, Galli avverte: “Ho il reparto pieno dalle nuove varianti”

"Ho il reparto pieno di varianti covid-19, non sottovalutiamolo", così il primario del Sacco di Milano Massimo Galli.

Covid Galli reparto pieno varianti

Il primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, continua a chiedere che venga mostrata più attenzione alla diffusione delle varianti del covid-19 in Italia. Il suo è un avvertimento per evitare che si decida di intervenire troppo tardi, quando la situazione potrebbe rivelarsi già troppo compromessa.

“Siamo tutti d’accordo che vorremmo riaprire tutto quello che si può aprire – ha detto Galli nel suo intervento a Mattino 5- Però guarda caso io mi ritrovo ad avere il reparto pieno da nuove varianti, e questo riguarda tutta quanta l’Italia e fa facilmente prevedere che a breve avremo problemi più seri. Questa è la realtà attorno alla quale è inutile fare ricami”.

Covid, Galli: “Ho il reparto pieno di varianti”

Per Galli la situazione non può e non deve essere sottovalutata, anche in virtù di quanto è avvenuto in altri Paesi europei non appena le varianti hanno iniziato a circolare in maniera massiccia. Le varianti – continua il docente all’università Statale di Milano – non ce le siamo inventate noi. Le varianti ci sono e sono maggiormente contagiose, quindi vuol dire che hanno maggiore facilità a diffondersi in determinate condizioni che non sono situazioni da ritenersi sicure.

Questo è molto spiacevole, ma è un dato di fatto. Non possiamo metterci a un tavolo e fare una trattativa politica o sindacale con il virus. Il virus segue le sue regole e le sue modalità di diffusione”.

Massima attenzione dunque e solidarietà al collega Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, fortemente accusato nei giorni scorsi per aver detto che sarebbe necessario un lockdown generale. Sul punto Galli è molto fermo: “È chiaro che chi, compreso il sottoscritto, vi dice che attenzione bisogna chiudere di più può correre il rischio di esagerare nel fare queste affermazioni.

Ma il rischio di esagerare – conclude –è inferiore alla probabilità di avere purtroppo, per l’ennesima volta, ragione“.

Contents.media
Ultima ora