×

Locatelli, anno del Covid: “Dolore per Bergamo e gioia per il vaccino”

Il Presidente del CSS Franco Locatelli fa il punto sulla pandemia a un anno di distanza dall'identificazione dei primi casi Covid.

Vaccino

A un anno di distanza dalla scoperta dei primi casi di Covid in Italia, il presidente del Consiglio Superiore di sanità Franco Locatelli ricorda alcuni dei momenti da lui vissuti durante l’emergenza sanitaria, dalla perdita di amici cari alla gioia per l’arrivo del vaccino.

Locatelli a un anno dal Covd

Intervistato dal Corriere della Sera, ha rievocato il giorno in cui il ministro Speranza lo aveva convocato per una riunione straordinaria: “Eravamo ancora ignari di quanto sarebbe accaduto e di quanto e come la nostra vita da lì a breve si sarebbe rovesciata“. La sua vita professionale, ha spiegato da membro del Comitato tecnico-scientifico, è cambiata radicalmente. Tanti infatti gli impegni istituzionali, che non l’hanno comunque distolto dalla sua attività di oncoematologo pediatra a cui si è dedicato nei momenti in cui era libero.

Per provare a offrire un servizio al Paese ho dovuto studiare e aggiornarmi in modo costante. Dovevo acquisire una specifica e approfondita competenza che non rientrava nel mio precedente bagaglio culturale“, ha aggiunto.

Durissimo per lui assistere quotidianamente alla conta delle vittime. Le due giornate più brutte sono infatti state il 27 marzo, quando in Italia si è registrato il picco dei decessi della prima ondata, e il 3 aprile, con i letti delle terapie intensive occupati come mai era successo prima.

Il momento più bello è invece stato il 27 dicembre, il giorno in cui in Italia e in Europa si è dato avvio alla campagna vaccinale dopo nove mesi di sforzi della ricerca.

Ciò che ci ha insegnato questa esperienza, ha concluso Locatelli, è che investire in sanità significa dare garanzia che eventi così catastrofici possano essere contenuti nel loro effetto negativo, non solo in termini di vite perse ma anche per attutire quanto più possibile il drammatico impatto economico e sociale.

Contents.media
Ultima ora