×

Covid, resta grave la bambina di 11 anni ricoverata a Bologna

È grave la bambina di 11 anni ricoverata a Bologna per il covid: non aveva patologie pregresse.

Covid grave bambina Bologna

Restano purtroppo gravi le condizioni della bambina di 11 anni ricoverata da una settimana nell’ospedale Sant’Orsola di Bologna per le complicazioni dovute all’infezione da covid-19. La giovane – di origini pachistane e residente nel capoluogo dell’Emilia Romagna – non aveva patologie pregresse, ma per lei è stata necessario il ricovero nel reparto di rianimazione a causa di un improvviso peggioramento del suo stato di salute.

Stando a quanto si apprende dal personale medico del nosocomio, il suo sarebbe un caso molto raro. “Ho sentito molti colleghi e, a quanto ci risulta, sarebbe il primo caso di una bimba così piccola, senza altre patologie a quanto parrebbe”, così il rianimatore Alessandro Vergallo, presidente nazionale Aarol-Emac al Resto del Carlino.

Covid, grave la bambina ricoverata a Bologna

La nuova ondata di coronavirus, fortemente orientata al ritmo dettato dalla cosiddetta variante inglese, sta fortemente colpendo l’Emilia Romagna, dove i casi continuano a salire giorno dopo giorno. La Regione è in zona arancione e la pressione sugli ospedali continua a crescere. Un dato non trascurabile è che l’eta media dei nuovi positivi è notevolmente più bassa rispetto al passato, ennesima riprova della grande incidenza che la mutazione del virus ha sulle fasce più giovani.

Nella maggior parte dei casi la malattia non varia rispetto a quella del ceppo originario, quindi pochi sintomi per bambini e ragazzi, ma ci sono dei casi rari come quello dell’11enne di Bologna.

Per contrastare la circolazione del virus, in Emilia Romagna si è stato optato per la zona arancione scuro per tutti i comuni della dell’Ausl Romagna, ad esclusione di quello di Forlì. La misura entrerà in vigore il 2 marzo e perdurerà, salvo proroghe, fino al 17 marzo e prevede, tra le altre cose, anche la chiusura di tutte le scuole ad esclusione di quelle dell’infanzia e dei nidi.

Contents.media
Ultima ora