×

Salerno, marito e moglie morti di Covid a una settimana di distanza

Il Covid uccide marito e moglie, morti a una sola settimana di distanza: il commovente ricordo del sindaco di Bellizzi, Domenico Volpe.

Covid grave bambina Bologna

Tragedia a Belizzi, in provincia di Salerno, dove in una sola settimana marito e moglie sono morti a causa del Covid, seguendo un triste trend che pochi giorni fa aveva visto un episodio simile in Abruzzo. Il dolore per l’ennesima famiglia cancellata dal coronavirus ha colpito la comunità campana, dove a morire è stato il 69enne Raffaele De Sio.

L’uomo si era ammalato un mese fa e le sue condizioni si erano aggravate.

Marito e moglie morti di Covid a Bellizzi

Raffaele era stato ricoverato presso l’ospedale di Agropoli dopo una prima degenza a quello di Battipaglia. Una settimana prima la doppia tragedia che ha squassato la famiglia aveva avuto il suo esordio: era morta di covid infatti Maria Rosaria Di Lieto, coetanea di Raffaele. Per lei il decesso era arrivato all’ospedale “San Giovanni Di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno.

Ed anche per lei la morte era sopraggiunta a causa di complicazioni provocate dal coronavirus.

La comunità di Bellizzi è scossa ed emotivamente allo stremo; Raffaele era uno stimato sindacalista della Cgil. Domenico Volpe, sindaco di Bellizzi, ha voluto affidare ad un messaggio il ricordo della coppia: “Esprimo tutto il mio cordoglio alla famiglia De Sio e Di Lieto. Nostri concittadini, Raffaele e Maria Rosaria sono una coppia che è rimasta unita anche nell’aldilà”.

Contagi in risalita in tutta la Campania

La provincia di Salerno purtroppo registra un aumento preoccupante dei contagi quotidiani, questo con la complicità della variante inglese. Le ordinanze dei sindaci fanno il paio con il crescente timore che la situazione possa sfuggire di mano, motivo per cui la Campania, secondo quanto annunciato dal governatore De Luca, passerà alla zona rossa a partire da lunedì 8 marzo. Si attende l’ufficialità con l’ordinanza del Ministero della Salute.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora