×

Telecamera nella mascherina per superare l’esame di guida, denunciato

Telecamera nella mascherina per superare l’esame di guida, denunciato un uomo che riprendeva i quiz e li inviava ad un complice all'esterno

Un uomo cercava di truffare la Motorizzazione

Una telecamera nella mascherina per superare l’esame di guida, ma è stato smascherato e denunciato per truffa. A Bologna un 50enne, O.M.A., è stato segnalato all’autorità giudiziaria dopo che aveva pensato di trarre vantaggio dall’obbligo di indossare la mascherina per proteggersi dal covid.

Come? Semplice, nascondendoci sotto una piccola telecamera e creandosi una corsia preferenziale per superare l’esame di guida. L’uomo però non ha fatto i conti con un attento esaminatore, che ha notato come la sua testa svolgesse insoliti movimenti durante la prova. In buona sostanza l’uomo ‘scorreva’ il testo dei quesiti ed inviava le immagini in diretta ad un complice che gli segnalava le risposte esatte.

Telecamera nella mascherina e strani movimenti della testa

A quel punto, scoperta la magagna, una volante del commissariato Bolognina-Pontevecchio si è recata presso la Motorizzazione civile dietro segnalazione del membro della commissione. Esattamente di quello che aveva fiutato il losco e segnalato come un esaminando in possesso di apparecchiature elettroniche sospette avrebbe potuto truccare il test. E la ‘prova provata’ è stato anche un foro sul lato frontale della mascherina, in pratica uno spiraglio per filmare lo schermo del pc con i quesiti da risolvere.

C’è chi guida senza patente e chi pur di averla è disposto a violare la legge dunque.

Un cellulare e il ‘Morse’ del complice

A quel punto la commissione ha chiesto di controllare e ha scoperto la telecamera. Da quella le immagini confluivano verso un telefonino, quello del complice, che facendo vibrare in codice il cellulare dell’amico gli suggeriva le risposte: una vibrazione corrispondeva a vero, due vibrazioni a falso. Accertare l’illecito e denunciare l’uomo è stato a quel punto doveroso. Neanche tre mesi fa un episodio analogo era accaduto a Verona.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora