×

Covid, chiuse tutte le scuole in zona rossa: anche gli asili nido

Con il nuovo decreto firmato dal Ministro della Salute Speranza chiudono tutte le scuole in zona rossa.

zona rossa chiuse scuole
zona rossa chiuse scuole

Con l’introduzione della zona rossa in dieci regioni italiane, chiudono i battenti le scuole di ogni ordine e grado. Questo significa che per milioni di studenti scatta nuovamente la didattica a distanza al 100%. La zona rossa significherà soprattutto la chiusura dei battenti delle scuole dell’infanzia e asili nido compresi con disagi importanti per tantissime famiglie.

Più blande le restrizioni, ma comunque importanti in zona arancione con la didattica in presenza al 50% e fino a massimo il 75%. Resta invece infine garantita l’attività per i bambini bes e con disabilità.

Zona rossa, chiuse tutte le scuole

Il decreto firmato dal Ministro Speranza è ormai diventato realtà. Dal 15 marzo al 6 aprile nelle regioni di fascia rossa saranno molte le attività a subire un brusco stop ancora una volta a cominciare dalle scuole che nella zona ad alto rischio chiuderanno i battenti.

Nel dettaglio a chiudere saranno le scuole di ogni ordine e grado compresi asili nido e scuole dell’infanzia. Milioni di studenti quindi svolgeranno lezione a didattica a distanza in attesa di poter respirare nuovamente l’atmosfera delle aule scolastiche.

Il Ministero dell’istruzione ha tuttavia reso noto che in zona rossa verrà garantita l’attività in presenza per tutti coloro che hanno bisogno educativi speciali o ancora gli studenti disabili. L’obiettivo riporta il Ministero dell’Istruzione è quello di “rendere effettivo il principio di inclusione valuteranno di coinvolgere nelle attività in presenza anche altri alunni appartenenti alla stessa sezione o gruppo classe – secondo metodi e strumenti autonomamente stabiliti e che ne consentano la completa rotazione in un tempo definito – con i quali gli studenti BES possano continuare a sperimentare l’adeguata relazione nel gruppo dei pari, in costante rapporto educativo con il personale docente e non docente presente a scuola”.

Contents.media
Ultima ora