×

Reggio Calabria, richiamo Pfizer invece che Moderna: nessun rischio

A Reggio Calabria una donna ha ricevuto il richiamo Pfizer invece che Moderna, per un errore dell'operatore.

Vaccino
Vaccino

A Reggio Calabria, una donna di 82 anni, ha ricevuto il richiamo Pfizer invece che Moderna. La donna è stata convocata per la somministrazione della seconda dose del vaccino ma, a causa della distrazione dell’operatore, è rimasta vittima di uno scambio di vaccini.

Pfizer al posto di Moderna

L’operatore si è accorto dell’errore e ha subito informato la paziente che, accompagnata dalla nipote, ha immediatamente sporto denuncia ai carabinieri, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso. La signora è stata trattenuta per diverse ore, per scongiurare eventuali effetti collaterali dovuti alla somministrazione sbagliate. Poi è stata mandata a casa. Secondo il dottor Sandro Giuffrida, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Igiene e Sanità dell’Asp di Reggio Calabria, come riportato da Fanpage.it, non dovrebbero esserci problemi.

È vero, la signora avrebbe dovuto fare la seconda dose di vaccino Moderna e invece ha fatto il Pfizer, probabilmente per una svista dell’operatore , ma si tratta di due vaccini praticamente identici e quindi non dovrebbero esserci problemi, anzi, non ce ne saranno. Nonostante questo, la paziente è stata immediatamente avvertita, è stato tutto registrato, è stato fatto un verbale e sono intervenuti anche i Carabinieri” ha spiegato Giuffrida.

In verità, nell’evoluzione dei prossimi mesi, probabilmente porterà l’intercambiabilità dei vaccini.

La signora è stata trattenuta per alcune ore e poi è stata mandata a casa proprio perché non si prevedono effetti collaterali. Il nome conta poco , i vaccini sono dello stesso tipo, basati sull’RNA messaggero. In teoria, anche se avesse fatto AstraZeneca non ci sarebbero stati problemi. Ripeto, stiamo andando verso una situazione nella quale i vaccini saranno tutti intercambiabili tra loro” ha spiegato il direttore dell’UOC Igiene e Sanità dell’Asp di Reggio Calabria. Nonostante questo, certi errori non dovrebbero essere commessi. Si è trattato “di una distrazione che capita una volta su un milione di somministrazioni“. La mancanza è stata dell’operatore, ma anche della paziente, che non ha comunicato quale vaccino aveva effettuato. Non ci dovrebbero, però, essere problemi. In futuro i vaccini potrebbero diventare interscambiabili, ma è anche vero che ad oggi non lo sono ufficialmente, quindi è importante prestare attenzione ad ogni somministrazione.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora