×

La Sardegna “chiude” le seconde case ai non residenti

Requisiti molto rigidi per sbarcare e raggiungere le abitazioni: tutte le regole per i non residenti che hanno una casa in Sardegna.

La Sardegna ‘chiude’ le seconde case ai non residenti
Il governatore della Sardegna Christian Solinas

La Sardegna ‘chiude’ le seconde case ai non residenti in quanto zona bianca intenzionata a restarci. Dal 18 marzo al 6 aprile, secondo una precisa ordinanza del governatore Christian Solinas dopo quella sui test rapidi, ci sono nuove regole. Cioè quelle per cui l’ingresso in Sardegna per recarsi nelle cosiddette seconde case, da parte di persone non residenti nell’Isola, è consentito ma con precise regole.

Sono regole che rientrano nel ‘setaccio’ canonico della legislazione nazionale: comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Seconde case in Sardegna, le regole per i non residenti

Resta comunque vigente l’ordinanza regionale che prevede che si sia effettuato o si effettui allo sbarco un tampone. Oppure che si sia in possesso della certificazione di avvenuta vaccinazione anti Covid. Insomma, una sovrapposizione di norme che coincide con un inasprimento che va a tutela dello status dell’isola.

Ed è uno status che anche molti amministratori locali hanno inteso preservare con disposizioni territoriali specifiche. Questo comunque prevede l’ordinanza del presidente della Regione Solinas, firmata nella tarda serata del 17 marzo.

I doveri di vettori ed armatori

Secondo la disposizione vettori ed armatori prima dell’imbarco dei passeggeri devono acquisire e verificare dei requisiti documentali. Primo fra i quali la ricevuta dell’avvenuta registrazione dei passeggeri sull’applicazione “Sardegna Sicura”. Si tratta della documentazione attestante il possesso dei requisiti previsti dal Dpcm dello scorso 2 marzo per gli spostamenti dalle Regioni di provenienza.

Inoltre gli stessi devono vietare l’imbarco nel caso in cui la documentazione non sia completa o i passeggeri non siano in possesso dei requisiti.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora