Cronache Ancona, bimbo muore dopo essere caduto nella vasca di un frantoio
Cronache Ancona, bimbo muore dopo essere caduto nella vasca di un frantoio
Cronaca

Cronache Ancona, bimbo muore dopo essere caduto nella vasca di un frantoio

Cronache Ancona

Cronache Ancona, un bambino di soli cinque anni è morto dopo essere caduta in una vasca di raccolta dei residui di un frantoio industriale a Corinaldo.

Cronache Ancona, un bambino di soli cinque anni è morto dopo essere caduta in una vasca di raccolta dei residui di un frantoio industriale a Corinaldo. In particolar modo, il bambino, di origini romena ma residente con la famiglia a Ostra Vetere, stava giocando con il padre e la zia. Ma poi è caduto nell’apertura del pozzo, dal quale era stato rimosso il chiusino. Il piccolo ha fatto un volo di circa cinque metri. Il corpo del bimbo è stato recuperato dai vigili del fuoco in arresto cardiaco. Ma non c’è stato nulla da fare. E’ arrivato morto all’Ospedale di Senigallia.

Cronache Ancona

Tragedia avvenuta ad Ancona. Un bimbo, di origini romene, di soli cinque anni, infatti, è morto dopo essere caduto nella vasca di raccolta dei residui di un frantoio industriale. Il dramma si è consumato a Corinaldo, in provincia di Ancona. Entrando nello specifico, il piccolo stava giocando tranquillamente in compagnia del padre e della zia.Fino a quando è caduto nell’apertura del pozzo, dal quale era stato rimosso il chiusino.

Il bimbo ha fatto un volo di circa cinque metri. Il suo corpo è stato recuperato dai vigili del fuoco in arresto cardiaco. Ma nonostante sia subito stato trasportato in ospedale, per il bimbo non c’è stato nulla da fare. E’ arrivato infatti morto all’Ospedale di Senigallia.

Il tragico episodio si è verificato nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 18.30. Il bimbo era andato con il papà e la zia a consegnare le olive per la frangitura. In attesa di ritirare l’olio, i tre si sono appoggiati in una specie di pedana all’esterno del frantoio, in una area di mezzi e di sosta. Era completamente buio. Il bimbo stava giocando. Ma ad un certo punto i parenti hanno sentito un tonfo e una successiva richiesta di aiuto provenire dal pozzetto.

Indagano i carabinieri

Secondo quanto è stato riferito dai carabinieri di Senigallia, a cui sono state affidate le indagini su questo caso, il bambino è andato a finire in una cisterna dove solitamente vengono raccolti i liquidi della lavorazione delle olive.

Come già accennato in precedenza, l’imboccatura era totalmente o comunque in buona parte scoperta. Immediato è stato l’intervento da parte dei carabinieri, dei vigili del fuoco e dei soccorritori del 118. E’ stata tentata anche una procedura di emergenza per cercare di salvare il piccolo. ma quando è arrivato in ospedale, il bimbo era in arresto cardiaco ed è morto poco prima delle 20.30 di ieri sera.

I carabinieri stanno indagando per stabilire con certezza la dinamica di quanto è accaduto. Stanno anche vagliando diverse testimonianze. Resta ancora da capire in che modo il bimbo sia potuto cadere all’interno della cisterna. Nella giornata di oggi, inoltre, il pm che si occupa del caso deciderà se disporre o meno una autopsia. Secondo le prime informazioni raccolte, infine, un soccorritore, nel disperato tentativo di estrarre il bambino vivo dal pozzetto si è sentito male a causa delle forti esalazioni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche