×

Cucina buia? Proseguiamo con l’edera

default featured image 3 1200x900 768x576

ederaPer rendere più accogliente una cucina in ombra possiamo ricorrere anche all’edera, che con il suo aspetto ricadente ben si adatta a vivere su qualche mensola.

Questa pianta, che comprende 15 varietà, è veramente di facile coltivazione: rustica, sempreverde, rampicante, tollerante sia alla scarsa luminosità quanto al sole diretto, resiste all’inquinamento e alla siccità.
La specie più diffusa è la Hedera helix da cui si sono ottenute numerose varietà, molte delle quali adatte anche alla coltivazione in appartamento.
Oltre alla facilità della coltivazione anche il prezzo delle singole piantine invita all’acquisto: è veramente contenuto.
Nel caso si voglia invece propagare l’edera di qualche nostra amica, è necessario procedere con la talea: in genere va bene qualunque periodo dell’anno prelevando rami privi di radici aeree, lunghi 10-15 centimetri.

Occorre prendere rami giovani per ottenere esemplari rampicanti, rami più vecchi per ottenere esemplari arbustivi.
Questo rametto può essere subito interrato oppure posto in un vaso con l’acqua e messo a dimora dopo la comparsa delle radici.
Last but not least: anche l’edera depura l’aria delle nostre case: sembra possa assorbire fino a 12 microgrammi/ora di formaldeide. edera


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora