×

Giornata contro la violenza sulle donne: perché si celebra il 25 novembre?

La data è stata ufficializzata nel 1981 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Violenza sulle donne
Violenza sulle donne

Oggi, 25 novembre, come ogni anno, si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Si tratta di una ricorrenza istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione 54/134.

Da quel momento, in quella data, tutti i governi, le organizzazioni internazionali e le Ong sono state invitate dalle Nazioni Unite ad organizzare eventi e iniziative per sensibilizzare su questo tema.

Giornata contro la violenza sulle donne

Per quale motivo è stato scelto il 25 novembre come data per questa ricorrenza? L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha semplicemente ufficializzato la data che è stata scelta nel 1981 a Bogotà da un gruppo di donne attiviste che si erano riunite nell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi.

Si tratta di una data simbolo perché in quel giorno, nel 1960, è avvenuto un brutale assassino. Le vittime furono tre donne, le sorelle Mirabal, considerate delle rivoluzionarie per via del loro impegno contro il regime di Rafael Leonidas Trujillo, dittatore in Repubblica Dominicana per più di 30 anni. Queste tre sorelle, nella giornata del 25 novembre, si stavano recando a trovare i mariti in prigione, ma sono state fermate per strada dagli agenti del Servizio di informazione militare e poi portate in un luogo isolato.

Proprio lì sono state torturate, massacrate e strangolate dai militari stessi, che le hanno poi gettate con la propria macchina in un precipizio nel tentativo di simulare un incidente.

Nel corso degli anni, dopo la scelta di questa data precisa, sono stati organizzati numerosi eventi ed iniziative. In Italia è stato solo a partire dal 2005 che questa giornata ha iniziato ad essere celebrata, soprattutto grazie ad alcuni centri antiviolenza e Case delle Donne.

Nel 2007 100mila donne hanno deciso di sfilare in una manifestazione, priva di colore o patrocinio politico, per farsi sentire contro la violenza sulle donne. Si è trattato della prima manifestazione che ha ottenuto una grande attenzione mediatica, soprattutto in seguito alle contestazioni nei confronti di alcuni ministri e deputate. Purtroppo i casi di femminicidio sono in costante aumento, soprattutto durante il lockdown, e il tema diventa ogni giorno più importante e attuale. Le iniziative e gli eventi continuano ad aumentare per accrescere l’informazione e la consapevolezza nelle persone riguardo questo terribile fenomeno.

Contents.media
Ultima ora