×

Curano il bimbo con metodi omeopatici: bimbo di 7 anni in coma

Un bimbo di 7 anni, dopo una cura a base di metodi omeopatici per l'otite, è ora in coma e lotta tra la vita e la morte.

default featured image 3 1200x900 768x576

Un bambino di 7 anni è ricoverato all’Ospedale Salesi di Ancona in grave condizioni. I genitori, dato che il piccolo soffriva di otite, hanno pensato di somministrargli dei prodotti omeopatici, ma non hanno sortito l’effetto desiderato. In seguito a questi metodi omeopatici, il problema dell’infezione all’orecchio si è diffusa fino a raggiungere il cervello e ora il piccolo versa in serio pericolo di vita.

Il bimbo ora è in coma. Per curare l’otite, di cui soffriva da due settimane, i genitori gli hanno somministrato dei prodotti omeopatici sperando guarisse. In seguito a questi metodi, la malattia del piccolo si è aggravata e ora il piccolo rischia la vita. Il bambino, figlio di due genitori italiani, è giunto nei giorni scorsi all’Ospedale di Ancona, dove è stato trasferito prima di essere curato a Urbino. Moltissimi studi hanno verificato l’efficacia dei prodotti omeopatici e inoltre in base a studi questi prodotti non sempre si possono definire innocui.

Il bimbo soffriva di otite da due settimane. Da alcune settimane, il piccolo lamentava di dolori all’orecchio, aveva la febbre alta e i genitori hanno pensato, sbagliando, di curarlo con metodi omeopatici. L’infezione all’orecchio è peggiorata e il piccolo ora versa in gravi condizioni. E’ in coma e non si sa se riuscirà a farcela oppure no. Il bambino è stato sottoposto a una tac. Una tac che ha mostrato come il pus e l’infezione del bimbo si sia estesa fino a raggiungere le pareti cerebrali.

Per questa ragione, il bimbo è stato trasportato all’Ospedale Salesi di Ancona. Qui i medici hanno tentato di ridurgli l’accesso cerebrale. Inoltre, il bambino è stato sottoposto a trattamento con antibiotici.

Le condizioni del bambino sono gravissime. Si trova in coma e sta lottando tra la vita e la morte. Il fatto che i genitori abbiano somministrato al bambino dei prodotti omeopatici, non adatti a lui, sarebbe stato la causa del suo peggioramento.

Bisognerà attendere i prossimi giorni per capire e valutare attentamente la situazione. Il bambino si trova in terapia intensiva ed è in prognosi riservata.

Che cos’è l’otite?

Immagine-141

L’otite, ovvero il male d’orecchi, è una patologia molto comune durante l’età pediatrica. Il 70% dei bambini tra i 16 mesi e i 3 anni di età soffre di questo disturbo. Le cause possono dipendere dal fatto che il bambino ha ancora pochi anticorpi o anche da una conformazione anatomica dell’orecchio del piccolo, ovvero la cosiddetta tromba di Eustachio.

Sono diversi i tipi di otite:

  • otalgia, il classico mal di orecchi. Può dipendere da un colpo di freddo o di aria e scompare nel giro di poco tempo
  • otite esterna, interessa solo la parte esterna, quindi il condotto uditivo esterno e la causa è di origine virale
  • otite media: di natura virale, peggiore delle precedenti ed è causata quasi sempre da un batterio.

I sintomi dell’otite

Nel caso il tuo bambino soffrisse di otite, fai attenzione a questi sintomi:

  • dolore intenso
  • febbre, spesso molto alta
  • inappetenza
  • vomito o senso di nausea

I bambini più grandi possono avere febbre alta, mentre in quelli più piccoli il dolore può essere associato a un pianto interminabile, segno del dolore di cui soffrono.

Come prevenire l’otite

Onde evitare che il piccolo soffra di otite, sappi che ci sono alcuni consigli e raccomandazioni da seguire. Ricorda di pulire spesso il naso del bambino con lavaggi nasali frequenti. Fino al primo anno di età è bene che il bambino venga ancora allattato al seno. Il bambino dovrebbe seguire una dieta a base di frutta e verdura, oltre a praticare attività fisica e stare il più spesso possibile all’aperto.

La terapia: come curare l’otite

Prima di tutto, prova ad aspettare 48-72 ore prima di somministrare qualsiasi farmaco. Entro questo periodo, il bambino non dovrebbe più avere problemi di otite e stare molto meglio. In caso di otite media bilaterale come è accaduto al piccolo di Ancona, sappi che l’antibiotico è la soluzione migliore per farlo stare bene. Nel caso il bambino avesse una età superiore ai due anni, l’antibiotico va somministrato per circa 5-7 giorni. In ogni caso, è sempre bene rivolgersi al proprio pediatra seguendo scrupolosamente i suoi consigli e le sue indicazioni.

Terapia omeopatica

Il bambino di 7 anni ha seguito una terapia omeopatica che gli ha causato danni cerebrali per i quali ora si trova in coma. I prodotti omeopatici possono essere una valida alternativa alla medicina tradizionale, ma il bambino non va curato solo in questo modo. Un bambino affetto da otite media bilaterale va curato solo ed esclusivamente con antibiotici e non con prodotti omeopatici. Curare un bambino affetto da otite solo con prodotti omeopatici rischia di causargli seri danni.

omeopatia-300x225

Contents.media
Ultima ora