> > Dal Fabbro: "Iren crede fortemente nelle comunità energetiche"

Dal Fabbro: "Iren crede fortemente nelle comunità energetiche"

featured 1677744

Genova, 1 dic. (Adnkronos) - “Le dodici sfide che noi proponiamo, e che oggi discuteremo insieme a studenti, studiosi, professori e autorità, sono focalizzate sull’impatto sociale, sull’energia e sull’ambiente e sono il nostro modo per segnare un nuovo inizio.” L...

Genova, 1 dic.

(Adnkronos) – “Le dodici sfide che noi proponiamo, e che oggi discuteremo insieme a studenti, studiosi, professori e autorità, sono focalizzate sull’impatto sociale, sull’energia e sull’ambiente e sono il nostro modo per segnare un nuovo inizio.” Lo ha detto Luca Dal Fabbro, presidente di Iren, a margine della “Esg Challenge Iren 2023”, l’evento internazionale tenutosi a Genova, durante il quale sono state presentate le sfide ritenute più urgenti e strategiche per supportare lo sviluppo sostenibile nel 2023.

“Dopo questi anni difficili – ha continuato Del Fabbro – c’è bisogno di rilanciare la politica energetica ed ambientale, basandola sul buon senso, sulle comunità energetiche, su normative snelle e sulla collaborazione tra istituzioni e società. Iren crede fortemente nelle comunità energetiche, poiché sposano una serie di esigenze fondamentali, come la sostenibilità, l’indipendenza, la sicurezza derivante dal produrre l’energia in loco, la competitività e il risparmio economico”.

“Per raggiungere questi obiettivi – ha aggiunto Dal Fabbro – crediamo sia fondamentale instaurare un dialogo che coinvolga tutte le parti in causa, compresi i giovani studiosi.

Il rilancio del Paese e della sua politica energetica ed ambientale passa infatti per i nostri giovani. Per questo motivo abbiamo voluto selezionare i giovani che hanno presentato i 10 migliori studi sui temi dell’ambiente, dell’impatto sociale e della governance. Per discutere di questi temi – ha concluso il presidente di Iren – vogliamo far incontrare ogni anno a Genova molti studiosi così che questa città diventi una piattaforma di discussione per la sostenibilità per tutto il Mediterraneo”.