> > Dario Argento difende la figlia: 'Surreali le accuse ad Asia sul caso Weinstein'

Dario Argento difende la figlia: 'Surreali le accuse ad Asia sul caso Weinstein'

dario argento

Dario Argento, il celebre regista italiano di film horror, difende sua figlia Asia da tutte le terribili accuse che la stanno travolgendo in questi giorni.

Dario Argento, il celebre regista italiano di film horror, vuole difendere sua figlia Asia da tutte le terribili accuse che la stanno travolgendo in questi giorni.

Il maestro dell’horror non capisce il motivo per cui la figlia Asia debba subire certe accuse, semplicemente per non aver parlato prima. Anche se Asia non gli da modo di aiutarla, il padre vuole comunque starle vicino in questa battaglia che ha deciso di combattere da sola. Dario Argento è convinto che sua figlia riuscirà a superare questo momento con tenacia e con successo.

Le parole di Dario Argento

Dario Argento, regista di fama mondiale e maestro dell’horror, si rivela alla stampa con dolci parole rivolte alla figlia.

Il regista ha intenzione di difendere Asia a spada tratta dalle accuse che la stanno letteralmente sormontando in questi giorni. E’ una guerra continua tra chi la difende e tra chi invece l’accusa di aver parlato troppo tardi. Dario Argento non riesce a comprendere la cattiveria che spinge la gente ad accusare Asia di aver parlato troppo tardi. L’attrice italiana infatti non è stata l’unica ad aver parlato “tardi”.

Insieme a lei ci sono tantissime altre attrici che hanno taciuto per paura fino adesso. Dario Argento, per spiegare la paura che hanno tante donne, decide di prendere come esempio Mira Sorvino. La Sorvino è un’attrice che “ci ha rimesso la carriera” per aver detto di “no”. Da quel momento non ha più lavorato anche se è stata in grado di vincere un oscar. In questo momento Asia vuole combattere la sua guerra da sola, non vuole l’aiuto di nessuno, nemmeno quello di suo padre.

Per questo il regista non si espone troppo e vuole lasciare spazio alla figlia.

Le molestie

Dario Argento non era a conoscenza delle molestie subite dalla figlia. Asia non si era mai confidata con lui. Il regista, quando parla dell’argomento, si commuove e prova dolore per quei gesti terribili che hanno violato il sangue del suo sangue. Una delle cose più scolvongenti rimane il fatto che certe persone, malate, non guardano in faccia a niente pur di perseguire le loro azioni.

Weinstein, in questo caso, non ha nemmeno portato rispetto al cognome di Asia. Il padre è venuto a conoscenza di tutta la vicenda solo in questi giorni. Racconta che nel momento in cui l’ha scoperto si trovava ad Assisi per lavoro. Mentre si godeva la bellezza dell’arte e della santità arriva la notizia che gli strugge il cuore. La cosa che lo sconvolge di più però sono le terribili e volgari accuse che vengono rivolte alla figlia Asia. Viene accusata soltanto per non aver parlato prima. La cosa pare totalmente surreale soprattutto quando altre attrici hanno fatto lo stesso. Anche Rose McGowan, Ashley Judd, Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow e molte altre sono state in silenzio fino adesso. L’unica differenza è che all’estero il coraggio viene riconosciuto, mentre in Italia la gente si prende il diritto di criticare e basta.

Considerazioni sul mondo del cinema

Il regista è rimasto sconvolto dalla vicenda soprattutto perchè anche lui è un uomo del cinema. Dario Argento è una persona che ha sempre dedicato la sua vita all’arte e alla passione del cinema, con rispetto e devozione. Non condivide perciò gli atteggiamenti che, i suoi colleghi, si prendono il diritto di assumere. Argento però si sente di difendere il mondo del cinema e non lo condanna. Non vuole generalizzare e dichiara che non tutte le persone che vivono e lavorano in questo mondo fatto di luci e riflettori sono paragonabili a Weinstein. Ci sono tante persone per bene che svolgono il loro lavoro in maniera professionale e nel totale rispetto delle donne. Secondo il regista certi comportamenti sono imbarazzanti e indifendibili. L’unica cosa che apparentemente lo consola è il sapere che nel mondo dello spettacolo, in fondo, non sono tutti così.

Le dichiarazioni di Asia

Mentre il padre prova dolore per il destino che ha dovuto subire la figlia, Asia continua con la sua confessione. Da una molestia si trasformano in qualcuna in più. L’attrice italiana ha raccontato che oltre ad essere stata molestata a 21 anni dal produttore hollywoodiano Weinstein è stata molestata anche da altri due uomini. L’attrice 42 enne dopo tanti anni trova il coraggio per svelare le sue vicende più intime. Asia ha subito un’altra violenza prima di quella da parte di Weinstein. La donna a soli 16 anni è stata violentata da un regista e attore italiano, di cui al momento non ha rivelato il nome. L’uomo, a quanto dice Asia, avrebbe tirato fuori il suo pene mentre i due si trovavano nella roulotte per parlare del personaggio del film. Ma non è ancora finita, purtroppo. L’attrice aggiunge un altro dettaglio shoccante. Un altro regista americano, “uno grosso”, le mise la droga dello stupro dentro un bicchiere. Poi la violentò mentre si trovava in stato di incoscienza. Al tempo aveva soltanto 26 anni.