×

Dati settimanali Covid, un quarto di casi positivi in più: le regioni che trainano la corsa

Stando ai dati settimanali resi noti lunedì 29 novembre, i casi Covid sono aumentati del 25,5% negli ultimi sette giorni.

covid dati settimanali

Osservando i dati settimanali relativi alla situazione epidemiologica italiana, emerge che in sette giorni i casi sono aumentati di quattro volte: una crescita leggermente inferiore a quella del periodo precedente (+27,6%) e molto più bassa di quella di due settimane fa (+42,1%).

Le regioni che registrano incrementi maggiori sono la Liguria, la Basilicata, l’Emilia Romagna, il Piemonte e il Veneto.

Dati settimanali Covid

Quasi tutti i territori hanno visto i loro casi aumentare ad eccezione di due, vale a dire quelli dell’Umbria, passata da 574 casi settimanali a 553 (-3,6%) e la Puglia, che da 1.564 contagi ne ha contati 1.512 (-3,3%). Gli altri sono invece tutti in crescita, a partire dalla Liguria che in una settimana ha registrato il 40% dei casi in più (2.596 contro i 1.854 del precedente monitoraggio), dalla Basilicata che ha visto un aumento del 37,5% (238 vs 173) e dall’Emilia-Romagna in cui, in sette giorni, i contagi sono cresciuti del 36,9% (8.176 vs 5.969).

Questi gli aumenti delle altre regioni:

  • Piemonte +34,3%
  • Veneto +34%
  • Marche+29,2%
  • Lazio +28,6%
  • Calabria +28%
  • Lombardia +27,3%
  • Valle d’Aosta +26,7%
  • Provincia di Bolzano +23,4%
  • Sicilia +22,1%
  • Molise +20,2%
  • Toscana +16,8%
  • Campania +14,5%
  • Friuli Venezia Giulia +10,6%
  • Sardegna +10%
  • Abruzzo +1,5%.

Dati settimanali Covid: oltre 100 pazienti in più in terapia intensiva

Oltre ai dati sulle infezioni, hanno visto un incremento anche quelli sulle ospedalizzazioni.

I posti in area medica occupati sono infatti aumentati di 737 unità pari al 15,1% in più, mentre in terapia intensiva sono stati ricoverati 118 pazienti in più (attualmente in rianimazione ci sono 638 persone contro le 520 di domenica 21 novembre). L’occupazione è dunque aumentata dal 22,6%.

Contents.media
Ultima ora