×

Deserto italiano

Forse qualcuno sottovaluta il problema, ma in Italia inizia a scattare l’allarme. Regioni come la Sicilia, la Calabria, la Sardegna, la Basilicata e la Puglia sono a rischio. Ma il problema si sta verificando anche al nord in regioni come il Piemonte, la Lombardia e il Veneto. Si tratta delle desertificazione delle territorio, un problema che fino a qualche anno fa sembrava non interessarci.
Lo scorso giugno, durante la Giornata Mondiale dell’ONU Contro la Desertificazione, sono state evidenziate queste emergenze del territorio italiano, che non sono molto elevate, ma che comunque iniziano a preoccupare molti ambientalisti. Soprattutto la situazione della Sicilia è quella che sembra essere più a rischio. Il tema centrale della conferenza è stato in particolare l’importanza della prevenzione delle foreste, istituendo quest’anno come l’anno internazionale delle foreste.

Infatti, il problema della desertificazione deriva in parte dalla prevenzione che si fa delle foreste, considerate fonte della sopravvivenza dell’uomo. A tal proposito sono state rese note le cifre riguardanti questo bene prezioso, che purtroppo non sono molto confortanti. Dal 2000 ad oggi sono andati sprecati circa 5,2 milioni di ettari di foreste ogni anno. La maggior parte dello spreco avviene in Brasile, Congo e Indonesia, dove molto forte è il fenomeno della speculazione che si ricava dal disboscamento di queste aree. Inoltre sono state promosse moltissime iniziative in tutto il mondo per sensibilizzare su questa problematica. In particolare in Italia si dovrebbe far attenzione a non sottovalutare il problema, che per il momento sembra essere solo all’inizio, ma che comunque inizia a far trapelare anche inefficienze per quanto riguarda la tutela e la manutenzione dell’ambiente.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche