×

Dialetti: cosa significa Fiulet in milanese?

Il dialetto milanese o meneghino è conosciuto in tutta Europa grazie alla letteratura e alla sua somiglianza con l'italiano. Ecco alcune regole grammaticali e cosa significa fiulet.

Duomo di Milano
Duomo di Milano

Il dialetto milanese

Il dialetto milanese ha origini latine, ma include molti termini di derivazione austriaca, francese, gallica, longobarda e spagnola. Esso si è avvicinato molto all’italiano: generalmente le persone sotto i sessant’anni non lo parlano affatto. Il dialetto milanese è chiamato meneghino dalla parola domenichino che stava ad indicare la lingua parlata dai dominici, cioè i sottoposti del dominus (il signore), quindi tutte quelle persone che per la loro condizione sociale non parlavano correntemente la lingua ufficiale, il latino, parlato dalla nobiltà. Il dialetto milanese ha molte più vocali rispetto all’italiano. Il maestro Mario Torchio spiega: “La o normale si legge u. La u si legge ü come l’ululato dei lupi. Per leggere o ci vuole la ò accentata. Questa è la base.”
Inoltre nel dialetto milanese le terminazioni in consonante sono molto comuni e i pronomi soggetto derivano dai pronomi dativi latini: mi, ti, luu, lee, numm, vialter, lòr.

La domanda dei lettori

Mi sapete dire: cosa significa Fiulet in milanese?

Fiulet in milanese vuol dire bambino.

Il vocabolo somiglia molto a fioeu che vuol dire figlio o ragazzo, in base al contesto.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
arist

Io lo so!

bambino

Leggi anche