×

Diario di viaggio: Anversa, tra musei e arte medievale (Belgio)

Non sono il tipo di persona che si siede sorseggiando bevande in un’ atmosfera chic, ho sempre avuto l’abitudine di muovermi molto durante il giorno e non me ne lamento. Anche mentre viaggio di solito sono sempre attiva. Ad Anversa invece, mi sono seduta al Grote Markt (nella foto) fissando con calma la bellezza degli edifici e la splendida statua di Brabo. Anche nel freddo gennaio mi si è scaldato il cuore.

Il Duomo è uno dei più spettacolari d’Europa. Non posso descrivere la sua meraviglia. Essendo pieno di grandi pezzi d’arte è davvero un peccato passare per Anversa senza passare a visitarla. Il soffitto della cupola è talmente splendido che alcune persone letteralmente si sdraiano sul pavimento per fotografarlo.Ci sono varie altre chiese degne di una visita.

Suggerimenti rapidi:

I diamanti non sono le sole le gemme di Anversa.

Le opere d’arte e le chiese sono certamente altre gemme importanti di questa città. Anversa è stata la patria di Peter Paul Rubens, del suo talentuoso allievo Anthony Van Dyke, Quintin Metsys e il mio preferito Brueghel. Una visita al Rubenshuis è un must. Qui si arriva a vedere non solo dove il maestro abitò ma anche dove lavorava. Se hai solo il tempo di visitare un museo di Anversa vai al Mayer van der Bergh. Questo è il frutto di un uomo, Fritz Mayer van der Bergh e rappresenta una superba collezione di dipinti e sculture in gran parte del Medioevo. Il Nicholas Rockox House è un altro piccolo gioiello e il Museo Plantin-Moretus è semplicemente fantastico. La mia unica delusione è stata che il museo dei diamanti è rimasto chiuso per tutto il mese di gennaio.

Il modo migliore per girare la città:

Siamo arrivati ad Anversa da Laarne.

Non lo consiglio a nessuno a meno che, come noi, abbiate bisogno della vostra auto per il resto del viaggio. Il traffico è pesante e le indicazioni sono molto confuse. Abbiamo avuto difficoltà a trovare il nostro albergo.

C’è un sistema di tram e autobus in città, ma dal punto in cui si trovava il nostro albergo sulla Stadpark, non sembrava poter aiutarci molto. Abbiamo viaggiato in taxi o a piedi. A Groenplaats si trova una buona posizione per prendere il tram, l’ autobus e il taxi. I taxi possono essere difficili da trovare se non vicino agli alberghi. La città vecchia è molto facile da visitare a piedi. Questa è una città molto artistica ed è molto più divertente girarla a piedi. Un difetto dei taxi è che c’è una buona probabilità che il vostro tassista sia un fumatore.

Anversa è una città bellissima da visitare e anche se non è la capitale del Belgio, come Bruxelles, o la bellezza medievale che rappresenta Bruges, ha un fascino unico tutto suo.

Vi consiglio di passarci almeno due giorni per visitarla, non sarà di certo tempo perso.


Contatti:

Contatti:

Leggi anche