Dichiarazione dei redditi: in scadenza l'ICI | Notizie.it
Dichiarazione dei redditi: in scadenza l'ICI
Economia

Dichiarazione dei redditi: in scadenza l'ICI

Scade il prossimo 16 giugno l'ICI: ecco chi deve e chi non deve versarla

ICI

Conclusa la stagione del 730, il mese di giugno è tutto dedicato ad altri due importanti appuntamenti fiscali, entrambi in scadenza il 16. Si tratta della dichiarazione dei redditi tramite modello Unico e del versamento dell’Imposta comunale sugli immobili.

Oggi ci occupiamo della famigerata ICI.

Abolita quella sulla prima casa nel 2008, l’ICI sopravvive invece per tutti gli altri immobili, vale a dire le seconde case, le case in affitto, i negozi, gli uffici e così via, nonchè per le unità catastali appartenenti alle categorie A/1(abitazioni di tipo signorile), A/8(ville), A/9(castelli, palazzi di pregio artistico o storico), anche se abitati come prima casa.

Per queste tipologie di immobili è dovuto quindi il versamento dell’ICI o tramite un bolletino di conto corrente postale intestato al Concessionario o attraverso il modello telematico F24.

Per gli importi la prima rata va calcolata sul periodo di possesso nel primo trimestre del 2010, applicando le aliquote e le detrazioni stabilite dal Comune per il 2009.

Se tutto resta invariato la rata di giugno è uguale alla metà dell’ICI pagata complessivamente nel 2009, sebbene sopravviva la possibilità di versare l’intero importo in una sola soluzione.

Nel caso in cui non si effettui il versamento entro il 16 giugno e si paghi solo entro il 16 luglio verrà applicata una sanzione del 2,5% dell’imposta dovuta più gli interessi, mentre se si paga entro un anno la sanzione sarà del 3%.

CHI NON DEVE VERSARE L’ICI: L’ICI non è dovuta da chi abita nel proprio appartamento o in quelli appartenenti a coperative a proprietà indivisa o assegnati dagli istituti autonomi per le case popolari(Iacp). Per evitare il pagamento non è necessaria la residenza, basta dimostrare di avere il domicilio. Se invece si cambia casa durante l’anno l’esenzione spetta per entrambe le unità, in relazione ai giorni per i quali si è abitato quel dato appartamento, mentre se più persone abitano lo stesso appartamento ma alcune non lo utilizzano abitualmente, allora questi sono tenuti al versamento dell’ICI. L’ICI non è dovuta anche da chi possiede immobili che sono stati assimilati dal Comune nella prima casa. Per i titolari di diritti reali di usufrutto, uso e abitazione il nudo proprietario non paga le imposte ma il titolare stesso, mentre sono esenti anche gli immobili ereditati e abitati dal coniuge superstite che ha diritto di abitazione.

Infine la Corte di Cassazione ha stabilito che il contribuente ha diritto di esenzione ICI se utilizza contemporaneamente più fabbricati come abitazione principale anche nel caso in cui gli immobili siano di proprietari diversi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Huawei P10 Lite 32GB 4GB Ram Black - Nero
209 €
Compra ora
Diadora Cyclette Cleo Rigenerata
89.95 €
189 € -52 %
Compra ora