×

Diciassettenne trovata ferita in un parco: è caccia ai 2 sospettati

Le forze dell'ordine indagano su 2 sospettati, forse amici della vittima, autori dell'aggressione di sabato scorso a una loro amica nel parco di Montelupo.

sospettati
Le forze dell'ordine indagano su 2 sospettati, forse amici della vittima, sospettati di aver aggredito sabato scorso una loro coetanea nel parco di Montelupo.

La ragazza che era stata rinvenuta nel parco dell’Ambrogiana di Montelupo Fiorentinto, dopo una aggressione, al momento è cosciente e viva, vicino Empoli. L’avevano trovata Sabato 14 Ottobre scorso, riversa in una pozza di sangue, nascosta sotto un cumulo di foglie. Il corpo giaceva in una pozza di sangue, sotto l’arco di un sottopassaggio del parco toscano. Al momento ci sono 2 sospettati.

L’aggressione da parte dei sospettati

Miracolosamente è viva: chiunque avesse cercato di ucciderla, non ci è riuscito; anche se i danni provocati alla minorenne sono più che gravi: delle fratture craniche e un conseguente trauma cranico. Al momento la giovane diciassettenne si trova all’Ospedale di Empoli, nel reparto di terapia intensiva.

Non si conoscono invece né le motivazioni, né gli autori del brutale fatto che non ha portato, per fortuna, alla morte della giovane.

Si sa che era, nella notte tra Venerdì e Sabato scorso, alla discoteca Jump, con degli amici. Tutti giovani come lei tra i 17 e i 19 anni.

Sembra che vi fosse stata una discussione tra loro e che la ragazza fosse stata lasciata sola su una delle panchine del frequentatissimo parco. Alcuni dei ragazzi, sentiti dalle forze dell’ordine, hanno detto di averla poi raggiunta al parco. In un secondo momento gli stessi l’avrebbero lentamente lasciata sola per la seconda volta per andare a recuperare la macchina. Erano circa le 6.00 del mattino quando la diciassettenne deve aver subito l’aggressione.

2 Sospettati secondo il p.m.

Le forze dell’ordine, guidate dal p.m. Alessandra Falcone, indagano sull’aggressione. Al momento sono state acquisite le immagini delle telecamere di sicurezza della discoteca Jump di Empoli.

Alcune indiscrezioni hanno rivelato che al momento gli iscritti sul registro dei sospettati sarebbero due persone, due ragazzi, entrambi presenti in discoteca al fianco della ragazza.

Si pensa che forse entrambi i sospettati facessero parte dello stesso gruppo di amici con cui la minorenne era fuori a ballare nella sera tra il 13 e il 14 di Ottobre scorsi.

Le reazioni

Nel frattempo il Sindaco di Montelupo ha predisposto una ordinanza contro l’abuso di alcool nei locali pubblici e nelle strade del paese toscano. Nel frattempo gli inquirenti stanno cercando altri testimoni: sul suolo dell’aggressioni vi sono infatti molte abitazioni.

Dall’ospedale di Empoli i genitori della vittima non si muovono e attendono notizie positive sulla salute della figlia. Non appena possibile, gli inquirenti stessi vorranno incontrarla per sapere qualcosa in più direttamente da lei.

I genitori sono furenti per le condizioni in cui a loro figlioletta versa, per il modo in cui l’hanno ritrovata. Il padre non esita a chiamare gli aggressori bestie per come si sono comportati, denunciando la brutalità dell’atto e la sua insensatezza.

Il fatto che i sospettati al momento possano essere tra i suoi amici ha fatto nascere un alterco tra il padre della vittima e un gruppo di amici della ragazza che erano andati a trovarla in ospedale.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche