×

Diego Armando Maradona: la biografia di un campione

default featured image 3 1200x900 768x576

Diego Armando Maradona è conosciuto anche come “El Pibe de Oro” ed è considerato uno dei più grandi della storia del calcio.

Diego Armando Maradona nasce a Lanus, in Argentina, il 30 ottobre 1960. Il quartiere era quello povero di Villa Fiorito.

L’amore per il calcio si manifesta già da subito: giocava con i suoi amici ovunque gli capitasse. La sua carriera da calciatore iniziò nelle giovanili della squadra dell’Argentinos Juniors e nel Boca Juniors, la sua squadra preferita. Diego venne poi convocato nella nazionale giovanile e, nel 1979, vinse il Campionato del Mondo Juniores.

Si spostò poi nel Barcellona, dove vi rimase per due stagioni. Purtroppo i rapporti con il club spagnolo furono tutt’altro che semplici.

E non solo. A peggiorare una situazione già tesa, fu un grave infortunio. Il più grave di tutta la sua carriera. E fu allora che Diego Maradona venne ingaggiato dal Napoli. Era il 1984.

Grazie a “El Piebe de Oro”, la squadra del Napoli ha vinto due Scudetti, quelli del 1986/1987 e del 1989/1990; una Coppa Italia, nel 1987; una Coppa UEFA, nel 1989 e la Supercoppa Italiana del 1990.

All’attivo, Diego Armando Maradona ha ben 4 campionati del Mondo. Ma quello che tutti portano nel cuore è il Campionato del Messico nel 1986. Un Mondiale che lo vide come unico e vero protagonista tanto da poter affermare che quel Mondiale Maradona lo ha praticamente vinto da solo. Fu lui l’artefice dei due gol all’Inghilterra. Due reti ormai annoverati nella storia del calcio: il celebre gol con la mano, che tutti battezzarono “la mano di Dio”, e il gol del secolo, ovvero quegli 11 passaggi durante i quali nessun calciatore inglese riuscì a toccar palla e che lo condussero direttamente in rete.

I primi problemi e l’addio al calcio

Nel 1991, i primi guai. Diego venne squalificato per uso di sostanze stupefacenti e fu costretto a lasciare il Napoli. Andò prima al Newell’s Old Boys e poi al Siviglia per ritornare, nuovamente, al Boca Juniors. Nello stesso periodo, ha anche allenato due formazioni argentine.

Durante il Mondiale americano del 1994, Maradona fu squalificato per ben 15 mesi. Il motivo? Uso di efedrina, sostanza proibita dalla FIFA. Dopo la squalifica, il campione tornò a giocare per il Boca Juniors.

E fu il 30 ottobre del 1997 che Diego Armando Maradona diede l’annuncio del suo ritiro dal calcio. L’addio definitivo giunse il 10 novembre 2001, quando “El Pibe”, davanti a tutto lo stadio del Boca Juniors, giocò la sua ultima partita con la nazionale argentina, realizzando due reti su rigore.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora