Dieta Lemme completa vegetariana
Dieta Lemme completamente vegetariana
Cucina

Dieta Lemme completamente vegetariana

Dieta Lemme completamente vegetariana. Ecco alcune informazioni sulla dieta più in voga del momento, in una variante adatta per i vegetariani.

Dieta Lemme completamente vegetariana. La nota dieta del farmacista Alberico Lemme è una delle più seguite del momento. Essa si basa sul consumo senza limiti di carboidrati e proteine e sul divieto tassativo di consumare sale, dolci, frutta e verdura.

I cibi vanno consumato su determinati orari fissi da rispettare assolutamente. Ciò perché in questi orari lo smaltimento è più veloce. Secondo la filosofia del Dott. Lemme i carboidrati vanno consumati a colazione proprio per una questione di metabolizzazione.

Per quanto riguarda i vegetariani o vegani, gli alimenti dovranno variare. L’assenza di carne dovrà essere compensata con un proteine vegetali. A questo scopo si dovrà fare un alto consumo di legumi e frutta secca che sostituiranno la carne.

Questo per evitare carenze e scompensi che vadano a minare il fabbisogno proteico quotidiano. Generalmente, tale fabbisogno è soddisfatto dal consumo di pasta, carne o pesce.

Tra i cibi proteici più adatti alla Dieta Lemme troviamo broccoli, carciofi, avocado, cavoli, spinaci, asparagi.

E ancora peperoni, patate, ceci, fagioli, fave, soia, piselli, lenticchie. Molto importante il consumo di un determinato tipo di cereali.

Tra questi si annoverano farro, orzo, frumento, riso, miglio, grano saraceno. Quinoa, tofu, seitan, sono cibi determinanti per questo genere di diete.

Alto consumo di proteine vegetali, dunque, tra cui anche pinoli, arachidi, mandorle, pistacchi, noci, nocciole. Tali alimenti sono in grado di sostituire carne e pesce nella dieta Lemme.

Molto importante il consumo di tali pasti in orari ben precisi della giornata. La colazione, ad esempio, deve essere consumata alle 9:30, il pranzo tra le ore 12:00 e le 14:00. La cena dalle 19:00 alle 21:00.

In questo contesto si collocano due spuntini: uno da consumare tra le 10:00 e le 11:00, l’altro tra le 16:00 e le 17:00. Un esempio di menù potrebbe essere consumare la colazione con caffè senza zucchero e frutta.

Spuntino di thè con limone, poi tra le 12:00 e le 14:00 un piatto di pasta olio e peperoncino.

Il secondo spuntino tra le 16 e le 17 sempre thé con limone e a cena tra le 19:00 e le 21:00 zuppa di verdure o hamburger vegetali. Naturalmente ogni dieta richiede sempre un consulto medico.

I nostri consigli

Vediamo alcuni libri che propongono alcune diete alternative per perdere peso.

La dieta Lemme

Propone un’alimentazione corretta per fornire le giuste energie all’organismo e favorire il recupero del peso forma grazie ad un programma articolato in due fasi, dimagrante e di mantenimento. Grazie alle diverse ricette disponibili e ai consigli pratici, il libro è considerato uno dei migliori nello studio di un’alimentazione costante e sana.

La dieta non dieta

Promuove un nuovo modo di concepire la dieta attraverso un’alimentazione completa e sana. Il volume propone un percorso di quattro fasi da un mese l’una per consolidare la propria dieta grazie a ricette e suggerimenti pratici per tutti i giorni utili a riscoprire i gusti e i sapori del cibo tradizionale.

La dieta del dottor Mozzi

Illustra i metodi per avere una buona alimentazione legata al gruppo sanguigno.

Attraverso un linguaggio chiaro e semplice, il volume illustra l’importanza di avere un’alimentazione costante e ricca di proprietà in modo tale da apportare energia all’organismo. Per migliorare la salute dell’organismo, il libro è consigliato in quanto propone una dieta ricca di alimenti necessari al proprio corpo.

La dieta per vivere 100 anni

Non solo una dieta per perdere peso, ma propone uno stile di vita per migliorare le performance e allungare l’aspettativa di vita. Infatti, oltre ad illustrare diverse ricette utili a ripristinare il peso forma e stabilizzare il metabolismo, Rosanna Lambertucci fornisce molti consigli per vivere in salute, come svolgere attività fisica e migliorare le tecniche di respirazione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche