Diffusi i dati del bilancio 2011 del Gruppo Save - Notizie.it
Diffusi i dati del bilancio 2011 del Gruppo Save
Voli e Trasporti

Diffusi i dati del bilancio 2011 del Gruppo Save

Aeroporto di Treviso
Aeroporto di Treviso

Il Gruppo Save, gestore degli aeroporti di Venezia e Treviso, ha diffuso i risultati economici del bilancio 2011: il gruppo ha registrato una crescita di tutti gli indicatori reddituali con un risultato netto pari a 40,4 milioni di euro, in aumento del 46,4% sul 20101.
E’ da notare come lo sviluppo delle attività diversificate del Gruppo e la gestione di tutte le componenti reddituali, incluso quelle finanziarie e fiscali, hanno positivamente contribuito al risultato del Gruppo: la
capogruppo SAVE S.p.A. ha registrato un utile netto pari a circa 23 milioni di euro, in crescita
del 26,8% sul 2010 grazie al beneficio del maggior traffico conseguito e dalla continua ricerca di
efficienza.
In un contesto economico sempre più difficile, tale crescita di risultati è la conseguenza di
ottime performance manageriali da parte di tutte le unità di business che si trovano ad operare
in mercati sempre più sfidanti.
Il Sistema Aeroportuale Venezia-Treviso chiude il 2011 con oltre 9,6 milioni di passeggeri, in
incremento del 7,1% rispetto al 2010, con un aumento del numero movimenti del 2% (97.227
movimenti complessivi). Ad incrementare è stato in particolare il traffico internazionale grazie allo sviluppo di nuove destinazioni che hanno visto in Doha, nuovo volo giornaliero operato dalla Qatar
Airways, la novità più prestigiosa.

La valenza internazionale si conferma quindi una
caratteristica importante dello scalo veneziano con una quota del 75% del traffico, a fronte di
una quota del 57% a livello di sistema aeroportuale italiano.
Tale dinamicità sul fronte internazionale dell’offerta, è stata confermata anche dai recenti
accordi per l’apertura di nuove tratte internazionali con i vettori Airone e Volotea che
porteranno un ulteriore impulso al traffico a partire dalla stagione estiva 2012.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche