> > Domenico Diele scarcerato: ai domiciliari con braccialetto elettronico

Domenico Diele scarcerato: ai domiciliari con braccialetto elettronico

Domenico Diele

Domenico Diele è stato scarcerato: all'attore accusato di omicidio stradale aggravato sono stati dati i domiciliari con braccialetto elettronico

La decisione del gip del Tribunale di Salerno è arrivata per Domenico Diele.

Arresti domiciliari con braccialetto elettronico. È questa la conclusione dell’udienza di convalida di arresto dell’attore accusato di omicidio stradale aggravato per la morte di Ilaria Dilillo. La donna era sbalzata dal suo scooter dopo essere stata travolta dall’auto guidata dal 31 enne nella notte tra venerdì e sabato scorso. L’avvocato Viviana Straccia ne ha appena dato notizia. Diele resterà ai domiciliari nella sua casa di Roma, con l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico.

Domenico Diele è difeso dall’avvocato Straccia del foro romano, che oggi ha assunto l’incarico prendendo il posto dell’avvocato d’ufficio Monica Salerno. Pochi minuti fa, dal carcere di Fuorni, in provincia di Salerno, è uscita l’auto con il pm salernitano Elena Cosentino, che non ha però voluto rilasciare dichiarazioni. Nel giro di un’ora Fabio Zunica, gip del Tribunale di Salerno, dovrebbe rendere note le decisioni ai legali di Diele.

Il giovane attore ha riconosciuto subito di aver fatto una stupidata. Racconta di essersi distratto un attimo per guardare il cellulare e di non essersi accorto dello scooter guidato dalla signora Dilillo. Quando si è reso conto di aver sbalzato in aria uno scooter e di aver causato un incidente, Domenico Diele era totalmente disperato. Lo raccontano alcuni testimoni dell’incidente. «Urlava, urlava soltanto. Quando poi si è reso conto di ciò che era accaduto si è zittito.

Ci ha aiutato per un po’ a deviare le auto senza dire più una parola fino all’arrivo della polizia». A narrare quei terribili momenti è stato Ferdinando Giordano, ex partecipante al Grande Fratello, anche lui tra i primi testimoni della tragedia.

Domenico Diele rivendica la propria colpevolezza: “Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare”

Domenico Diele, 31enne volto emergente del cinema e della fiction, ha recitato in diversi film e in numerose serie di successo della tv, come “Don Matteo” e “1992”.

La vittima, Ilaria Dilillo aveva invece 48 anni. Dopo una serata trascorsa in compagnia di un gruppo di amici, stava tornando a casa sul suo scooter a Salerno. A un certo punto la macchina guidata dall’attore l’ha tamponata violentemente facendola cadere al suolo. L’impatto è stato devastante per la donna, che ha infatti perso la vita.

Dal carcere l’attore romano ha ribadito di considerarsi assolutamente colpevole. «Urlerò la mia colpevolezza con tutte le forze. Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare. Devo pagare quello che decideranno i giudici. Se servisse a qualcosa pagherei di tasca mia anche qualunque cosa alla famiglia. Però non sono un criminale. In televisione si parla di me come un assassino drogato: non è così». Le dichiarazioni di Diele sono state raccolte nel carcere di Fuorni dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.