×

Donna rischia la vita: si stava curando il raffreddore

Donna rischia la vita: si stava curando il raffreddore

Una donna si cura il raffreddore e rischia seriamente la vita, viene quindi ricoverata di urgenza per un’emorragia interna.

Una donna ha bisogno di curarsi un brutto raffreddore e dicesse di prendere l’ibuprofene, cos’ com’era abituata a fare da sempre, da una vita.

La donna però si sente male ed ha bisogno di essere portata all’ospedale, dove viene ricoverata per una grave emorragia interna. Christine, una donna di 45 anni, una donna sportiva e sopratutto una donna sana, una donna che ha sempre abusato ibuprofene per curare il mal di testa e il raffreddore. Ma questa volta, la donna ha rischiato la vita.

“Mi sentivo male da circa un mese”, ha raccontato Christine al Mirror: “tra raffreddore, mal di testa e piccoli malanni di stagione che non passavano mai, così ho preso l’ibuprofene: una pasticca ogni 3 ore per far passare i sintomi più acuti”.

Ma nei sei giorni seguenti, Christine sentiva che c’era qualcosa anche non andava, qualcosa di strano. Si sentiva peggiorare e si sentiva anche molto debole fino a che ha iniziato a notare dei cambiamenti nel colore della sua carnagione e sopratutto nell’odore delle sue feci. “Ho fatto una ricerca su internet», ha proseguito Christine, «e ho scoperto che poteva trattarsi di un’emorragia interna”.

La donna in un momento di malessere stremo ha quindi chiamato il suo medico che le ha suggerito di recarsi immediatamente in ospedale.

I dottori l’hanno prontamente assistita e le hanno attaccato una flebo e hanno poi controllato che non ci fossero segni di ulcere o di cancro. I medici hanno poi iniziato a monitorala, monitoraggio che è durato per tutta la notte. Era stato proprio l’ibuprofene a causarle l’emorragia, emorragia che lo staff dei medici ha potuto tenere sotto controllo e quindi arginare senza far avere alla donna delle conseguenze: “Ora sto meglio e sono di nuovo in forma, ma ho promesso a me stessa di non prendere mai più l’ibuprofene in vita mia”.

Contents.media
Ultima ora