×

Droga dello stupro a casa di Ciro Di Maio: “Uso personale, non spaccio e sto cercando di curarmi”

Durante l’interrogatorio Ciro Di Maio ha spiegato di aver comprato la gamma butirrolattone (Gbl) per uso personale.

Ciro Di Maio

Il conduttore Ciro Di Maio è stato arrestato di recente con l’accusa di aver ricevuto un litro di Gbl, meglio conosciuta come la “droga dello stupro“. La sostanza proveniva dall’Olanda. Intanto l’uomo ha spiegato durante l’interrogatorio quanto accaduto.

Droga dello stupro, le parole di Ciro Di Maio 

Nel frattempo Ciro Di Maio è stato interrogato dal gip Sara Cipolla per spiegare quanto accaduto. La sintesi delle dichiarazioni è stata riportata da Rai News. “Non sono uno spacciatore, la sostanza non era destinata a feste o altro, era per me, ne sono dipendente da molti anni ormai e sto cercando di seguire un programma terapeutico che prevede di ‘scalare’ riducendo mano a mano il consumo.

Droga dello stupro, la spiegazione di Ciro Di Maio 

Nel frattempo il legale Nadia Savoca, avvocato che difende Ciro Di Maio, ha spiegato che l’uomo viene seguito da un medico e che starebbe seguendo un percorso terapeutico con “l’assunzione di dosi sempre minori“. Intanto il conduttore sarebbe accusato di acquisto e detenzione ai fini di spaccio di quasi un litro di gamma-butirrolattone.

Droga dello stupro, la difesa di Ciro Di Maio 

L’intervento è stato possibile grazie alla collaborazione della polizia che ha intercettato un pacco sospetto in aeroporto a Fiumicino. Le forze dell’ordine hanno atteso che il corriere portasse il pacco a Di Maio, poi l’intervento. All’interno del pacco è stata trovata la droga incolore che, in alcuni casi, viene utilizzata per stordire le vittime di stupro. 

Contents.media
Ultima ora