E' bufera sul ministro della difesa tedesco, accusato di avere plagiato la tesi universitaria
E’ bufera sul ministro della difesa tedesco, accusato di avere plagiato la tesi universitaria
Attualità

E’ bufera sul ministro della difesa tedesco, accusato di avere plagiato la tesi universitaria

Il ministro della difesa tedesca, Ursula Von der Leyen è finita nel mirino delle critiche, per aver ‘truccato’ la sua tesi universitaria, piena zeppa di citazioni copia-incolla, ad un livello tale da avere ‘oltrepassato il limite tollerabile’. L’accusa di plagio della tesi, non è nuova per un ministro tedesco, poichè già in precedenza altri due ministri erano rimasti coinvolti in accuse analoghe per avere truccato il lavoro finale del proprio percorso universitario. Addirittura in quella occasione, i due esponenti di governo furono indotti a rassegnare le dimissioni, per pagare il proprio dazio con la pubblica opinione.

Il ministro tedesco non ci sta e ha respinto le accuse, ricordando che non è ‘ una novità che attivisti su internet cercano di seminare dubbi sulle tesi di laurea di politici’.

Von der Leyen ha anche rilanciato chiedendo alla sua ex università, laMedizinische Hochschule Hannover, di far esaminare la sua tesi da un “garante neutrale”.

Dure le parole proferite da Martin Heidingsfelder, l’esperto che partecipò alle ricerche che smascherarono tutti i plagi posti in essere dagli ex ministri Guttenberg e Schavan: “Questo lavoro non è accettabile, il titolo di dottore le dovrebbe essere revocato”.

Ad identificare le anomalie e le citazioni non indicate sono stati i famosi ‘cacciatori di plagi’ della piattaforma ‘VroniPlag Wiki guidata da Heidingsfelder che nella giornata di sabato hanno identificato “citazioni non sufficientemente indicate” in 27 delle 62 pagine del testo.

Tre delle pagine incriminate conterrebbero tra il 50 e il 75% di testo plagiato e cinque pagine sarebbero copiate addirittura per più di tre quarti. Un professore di diritto, Gerhard Dannemann, ha parlato di “caso grave”. Heidingsfelder ha ricordato come nelle Università militari i plagi sono duramente perseguiti e puniti con la radiazione con disonore. Adesso si attende la replica del ministro, finito nell’occhio del ciclone delle critiche, che potrebbe dimettersi o dovrebbe fornire le prove che la scagionano da ogni accusa.

Leggi anche