Ecco come grattarsi sotto il gesso - Notizie.it
Ecco come grattarsi sotto il gesso
Wellness

Ecco come grattarsi sotto il gesso

Indossare il gesso a causa di un infortunio può essere una sfida, soprattutto quando la pelle sottostante diventa pruriginosa. Il medico probabilmente vi dirà di non inserire nulla tra il gesso e la pelle, perché si rischia di ferire la pelle (che potrebbe portare ad infezione) e si potrebbe danneggiare il gesso. Ma ci sono altri modi per alleviare il prurito che non mancherà di tenere voi e il vostro medico felici. Provare ciascuno di questi metodi in successione fino a trovare quello, o una combinazione, che funziona per voi.


Istruzioni:

Metodi sicuri per grattarsi

1. Utilizzare l’asciugacapelli con temperatura fredda per mandare aria nel gesso.

2. Mettere una busta di piselli surgelati sul gesso, il fresco aiuta a fermare il prurito. Ci sono anche prodotti al dettaglio, come CastCooler e Comfort Spray disponibili su Internet che raffreddano la pelle e alleviano il prurito.

3. Toccare il gesso per alleviare il prurito con la creazione di una vibrazione.

Si può anche mettere un piccolo massaggiatore vibrante all’esterno del gesso, ma consultare il medico prima,poichè vibrazione eccessiva potrebbe rompere il gesso.

4. Se il prurito è forte, o interferisce con il sonno, chiedere al medico di prendere alcuni farmaci.

Note:

Parlate con il medico se si hanno problemi di prurito sotto il gesso. Puoi avere altri consigli.

Essere consapevoli se è in gesso o in vetroresina. I gessi sono di colore bianco, mentre quelli in fibra di vetro sono

disponibili in una varietà di colori. Si consiglia di non utilizzare il metodo massaggiatore vibrante se si dispone di un

gesso in fibra di vetro .

Utilizzando un massaggiatore a vibrazione su un calco in vetroresina potrebbe frantumarsi.

Si può mettere polvere per bambini nel gesso per alleviare il prurito. Consultare il medico prima di fare questo. Molti

non lo consigliano, perché la polvere può bagnarsi di sudore e irritare la pelle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche