Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Reddito di cittadinanza, l’Inps pubblica il modulo per la richiesta
Economia

Reddito di cittadinanza, l’Inps pubblica il modulo per la richiesta

Modulo richiesta reddito di cittadinanza
Modulo richiesta reddito di cittadinanza

Sul sito dell'Inps è possibile accedere ai moduli SR180, SR181 e SR182: ecco cosa sono e come compilarli.

L’Inps ha reso pubblico sul proprio sito web il modulo da compilare per fare richiesta del reddito di cittadinanza. Il documento è stato presentato l’ultimo giorno utile, ovvero il 30esimo giorno dall’entrata in vigore del decreto che ha istituito il sussidio simbolo del M5S. Come sottolineato da Repubblica, non è possibile accedere alla modulistica direttamente dall’homepage del sito dell’Istituto nazionale di previdenza sociale (e neppure dal portale del sito del governo). Per trovarlo, è necessario selezionare la voce “Tutti i moduli“.

Il modulo potrà essere compilato direttamente a computer o stampando il corrispettivo cartaceo, autonomamente o con l’ausilio del personale dei Caf. Dovrà poi essere inoltrato online oppure presentato alle Poste. Sul sito dell’Inps sono in realtà presenti tre moduli diversi, identificati da una sigla: SR180, SR181 e SR182. Ogni tipologia è preceduta da un’introduzione che riassume le norme del decretone (e che è dunque passibile di modifica a seconda del risultato della discussione parlamentare alla Camera, dopo l’approvazione in Senato).

Come compilare il modulo SR180

Lo spazio dedicato alla richiesta vera e propria è contenuta nel modulo SR180, costituito da 9 pagine.

Il richiedente deve compilare il documento a partire da pagina 5, nel caso in cui sia il rappresentante legale di soggetti impediti o incapaci, altrimenti deve passare a pagina 6. Qui si trovano 7 riquadri in cui vanno inseriti (tramite barre e crocette) dati anagrafici quali la residenza e la cittadinanza, i requisiti economici e quelli familiari. Ci sono poi ulteriori spazi da compilare, dove rendere noto, per esempio, un eventuale mutuo. Repubblica sottolinea la mancanza del riquadro sull’affitto, sebbene sia un criterio necessario a stabilire l’entità del sussidio a cui il richiedente ha diritto.

I moduli SR181 e SR182

Gli altri due moduli (SR181 e SR182) fungono da integrazione o correzione della domanda principale. Il primo serve a segnalare variazioni lavorative e familiari avvenute dopo l’incasso del reddito di cittadinanza. Il modulo SR182 è destinato, invece, a coloro che hanno iniziato a lavorare in un periodo successivo da quello segnalato dall’Isee.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2587 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.