×

Allarme dall’Fmi per spread e debito in Italia: “Rischi per l’Ue”

Preoccupa l'incertezza di bilancio, ma anche il tasso di disoccupazione e le conseguenze di un'eventuale hard Brexit.

Fmi allarme debito spread italia
Fmi allarme debito spread italia

L’allarme arriva, ancora una volta, dal Fondo monetario internazionale. “Una prolungata incertezza di bilancio ed elevato spread in Italia, soprattutto se associati a una profonda recessione, potrebbero avere ricadute negative sulle altre economie europee“, hanno reso noto i portavoce del Fmi, citati da Tgcom24. Che l’economia italiana sia in difficoltà lo si capisce dalla previsione di crescita, ferma allo 0,1% per il 2019 e allo 0,9% per l’anno successivo. Cifre che portano il Belpaese al di sotto della media dell’eurozona. Preoccupa anche la disoccupazione, che, dopo il 10,6% registrato nel 2018, è aumentata di un punto decimale, arrivando allo 10,7% nel 2019. La flessione prevista per il 2020 è minima, pari al 10,5%.

I fattori di rischio

Gli osservatori internazionali non escludono, inoltre, altri fattori di rischio, quali “la crescente possibilità di una Brexit no-deal e l’esito delle elezioni europee nel caso in cui vengano ritardati o invertiti i progressi nel rafforzare l’architettura dall’uscita dall’area euro”.

Gita Gopinath, capo economista del Fmi, si augura “che ci sia un accordo a breve, ma è difficile prevedere” l’esito delle trattative tra Londra e Bruxelles. Il quadro economico globale necessita inoltre di una soluzione a un’altra questione, quella relativa alle tensioni e ai dazi commerciali tra Usa e Cina.

Il rallentamento dell’economia mondiale

Al momento, il Fondo non prevede una recessione economica globale, ma evidenzia la presenza di “molti rischi al ribasso“. La ripresa è “precaria” e le stime di crescita sono state tagliate, per la terza volta in un semestre, arrivando al 3,3% per il 2019. Una percentuale che segna il minimo raggiunto alla crisi del 2009. Per il 2020 è prevista una stabilizzazione intorno al 3,5%. “Un anno fa l’economia globale stava crescendo, ma ora le cose sono molto cambiate”, ha spiegato Gopinath.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche