Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Tria: “Stabilizzare il debito è negli interessi degli italiani”
Economia

Tria: “Stabilizzare il debito è negli interessi degli italiani”

ministro tria

Tria: "Stabilizzazione è negli interessi degli italiani". Moscovici: "E' meglio dialogare piuttosto che trovarsi in uno scontro sterile"

“Stiamo facendo quello che dobbiamo fare per l’economia italiana, stabilizzando il debito” ha detto il ministro Tria, tornando sul tema dei conti pubblici, prima di prendere parte all’Eurogruppo. Non lo facciamo “solo per rispondere all’Europa”, ha poi specificato, ma “fino a quando non pensiamo che questo coincida con gli interessi italiani“. “In genere – ha proseguito il titolare del Mef – bisogna arrivare a un qualche aggiustamento strutturale, ma lo sforzo grosso lo abbiamo fatto quest’anno”. Restano invece incognite relativamente al prossimo anno. “Bisogna continuare in quella direzione. L’importante è la stabilizzazione e poi la discesa del rapporto debito/Pil. Vedremo come andrà l’economia nel secondo semestre e lì prenderemo le decisioni ultime”.

“Dialogo meglio di scontro”

Dopo i momenti di tensione, tra Roma e Bruxelles sembra tornato il sereno. “Spero si sia capito, che tutti abbiano compreso, che è meglio discutere e dialogare insieme, rispettare le regole, anche se applicate in maniera intelligente, piuttosto che ritrovarsi in uno scontro che trovo sterile, inutile” ha detto Pierre Moscovici a margine dell’Eurogruppo.

“Presenterò le ragioni per cui la Commissione ha deciso di non raccomandare l’avvio di una procedura per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia, considerando che gli impegni presi dal Governo italiano sono sufficienti per proseguire in questa direzione” ha detto nel corso dell’incontro. “E’ chiaro – ha proseguito il commissario – che non è interesse di nessuno aprire una procedura. Non è interesse dell’Italia essere puntata a dito e non è interesse dell’Eurozona”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche