×

Nuova Imu 2020: come funziona e cosa cambia

Condividi su Facebook

Come funziona e cosa prevede la nuova Imu 2020, nata dalla fusione delle tasse sul mattone.

nuova imu 2020

Nella legge di Bilancio 2020, il governo ha previsto l’introduzione della nuova tassa sulla casa, derivata dalla fusione tra Imu e Tasi. L’aliquota base della nuova IMU 2020 sarà l’8,6 per mille ma solo nel 2020, ed entro il livello già stabilito per le due imposte, l’Imu potrà essere aumentata fino all’11,4 per mille. La nuova tassa deriva dall’unificazione delle tasse sulla casa, seconde case, negozi, capannoni, garage con lo scopo di semplificare il pagamento delle imposte da parte dei cittadini. Al momento la tassa unica sulla casa è stata inserita nel testo delle legge di Bilancio 2020 è stata inserita nel testo della Legge di Bilancio ma deve ancora essere approvata in via definitiva.

Nuova Imu 2020: cos’è

La Nuova Imu è stata inserita nella Legge di Bilancio 2020 e deriva dall’unificazione di Imu e Tasi con la creazione di un’unica tassa e un’unica aliquota al fine di semplificare i tributi locali sul mattone che dal 2014 si sono accavallati in un complicato groviglio.

L’obiettivo del governo giallorosso è quello di unificare le imposte andando a ridurre o eliminare oltre 200 mila aliquote diverse ed evitare così i contributi. L’aliquota passerà dal 7,6 per mille all’8,6 per mille aumentabile dal Comune fino al 11,4 per mille. Nessuna variazione per quanto riguarda l’esenzione prima casa se non di lusso.


Come funziona

Il nuovo meccanismo accorpa le due tasse sulla casa, Imu e Tasi, evitando così che il contribuente paghi la somma delle due imposte fissate dal Comune. La nuova Imu, almeno per il momento, si continuerà a pagare come le vecchie imposte sulla casa, con bollettino postale o F24 in due rate: la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre.

Per il solo 2020 come prime rata si dovrà versare la metà di quanto pagato nel 2019, in quanto si deve attendere la nuova delibera comunale nuova Imu 2020 in base alle nuove regole, che dovrà essere pubblicata entro il 28 ottobre 2020.

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche