×

Reddito di cittadinanza: come cambia il prelievo in contanti

I prelievi in contanti varieranno a seconda della composizione dei nuclei familiari. Disposti nuovi tetti: massimo mensile di 220 euro.

Calcolatrice
Photocredits: Pixabay

Il reddito di cittadinanza porta delle novità anche sul prelievo di contanti da Postepay. Bisogna in primis sapere che ora è previsto un tetto massimo riguardo il prelievo di contanti dalla propria carta di credito. Un tetto che varia a seconda della composizione del nucleo familiare.

A disporre la fissazione del tetto massimo di cash prelevabile è un elemento chiamato scala di equivalenza.

Un’unità di misura che parte da 1 per i soggetti non coniugati. La scala prevede un aumento di 0,2 per ogni figlio minore e di 0,4 per per gli altri componenti di età adulta facenti parte del nucleo familiare. È necessario, inoltre, precisare che tramite la carta del reddito cittadinanza sarà possibile prelevare fino a un massimo di 210 euro mensili.

La somma sale di 10 euro (220 quindi) se nel nucleo familiare sono presenti persone disabili.

Reddito di cittadinanza: modifiche sul prelievo di contanti

Facciamo ora degli esempi per approfondire la situazione e capire coma variano questi prelievi a seconda delle situazioni. Partiamo da un percettore single del reddito di cittadinanza: quest’ultimo potrà prelevare fino a un tetto di 100 euro mensili. Nel caso di due coniugi, essi potranno disporre di una somma di 140 euro.

Per i nuclei familiari percettori di reddito di cittadinanza composti da marito, moglie e figlio minore, è prevista una disponibilità di massimo 160 euro. La formula per le possibilità di prelievo mensile dal reddito di cittadinanza è disposta dal decreto legge numero 4/2019. Essa è pari a 100 euro per il parametro di equivalenza derivante dalla composizione del nucleo familiare. Chiariamo che stiamo parlando non di un “obbligo”, ma bensì di un “limite di prelievo”.

Contents.media
Ultima ora