×

Edilizia, da Klimahouse appello a stabilizzare quadro legislativo

Bolzano, 19 mag. (askanews) – L’importante rilancio di cui ha beneficiato il settore dell’edilizia negli ultimi anni, con un volume degli investimenti aumentato grazie ai bonus del 25% e un valore di mercato arrivato a quota 7 miliardi di euro, per essere sostenibile ha bisogno di regole stabili che diano certezze alle imprese nel medio periodo. È l’appello alle istituzioni di Claudio Corrarati, vice presidente di Fiera Bolzano, che organizza Klimahouse, rassegna internazionale dedicata all’efficienza energetica e al risanamento in edilizia in corso fino al 21 maggio.

“Cosa succede – si è chiesto – il giorno in cui non ci sono più i bonus e soprattutto il quadro legislativo è tale da poter essere strutturato negli anni o tra quattro-cinque anni noi ci troviamo in una condizione in cui un sacco di immobili hanno ancora bisogno di essere ristrutturati, ma non abbiamo più gli strumenti fiscali per farlo? Questa è una grande sfida”.

Tra le difficoltà evidenziate dalle imprese, oltre all’aumento dei costi dell’energia e dei materiali, c’è anche la difficoltà di trovare forza lavoro sufficiente.

“Se prima – ha osservato Corrarati – la necessità assoluta era trovare del personale qualificato, oggi è già importante avere del personale. È uno stimolo forte questo, anche per far capire alle famiglie e ai giovani che questo settore ha un grande futuro, non solo nella progettazione, ma anche nel fare”.

Da qui la necessità, ancora una volta, di garantire stabilità al settore rendendo più attrattiva la formazione professionale.

“La sfida della fiera – ha concluso – non è solo quella di mettere in evidenza i prodotti e le innovazioni, di processo o di costruzione, ma è quella di mettere al centro il capitale umano, esso sia nell’abitare sano e bene, in posti sani e sostenibili, ma anche nella qualità formativa”.

Un obiettivo che ispira anche i professionisti a disposizione del pubblico in fiera per rispondere a domande sull’efficienza energetica degli edifici e le ristrutturazioni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora