×

Eduardo, il 17enne brasiliano che ha aperto un rifugio per animali

Eduardo Caiado ha 17 anni e da quando ne aveva 9 si prende cura degli animali randagi della sua città in Brasile. Adesso gestisce un rifugio.

eduardo 768x442

Eduardo Caiado ha solo 17 anni e in Brasile già gestisce un rifugio per animali di sua proprietà, con tutte le responsabilità che ne conseguono.

L’amore per gli animali

Sin da quando aveva 9 anni si impegna per aiutare i suoi amici a quattro zampe: ad Anápolis, dove vive, durante l’inverno molti animali patiscono il freddo e rischiano anche la morte per le condizioni climatiche avverse in cui cercano di sopravvivere.

Per i cani e i gatti che vivono in strada purtroppo non sono previsti aiuti pubblici, ecco perché il piccolo Eduardo si è sempre occupato dei randagi.

Circa un anno fa ha deciso di imbarcarsi in un’enorme avventura per un ragazzo così giovane: l’apertura di un rifugio per accogliere i randagi della città.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Eduardo Caiado (@megaedu1)

Il rifugio di Eduardo

Certo, si tratta di un’attività impegnativa sia in termini economici che di tempo, ma lui non si è tirato indietro. Per sostenere il suo ambizioso progetto senza rinunciare alla scuola ha aperto una raccolta fondi e paga le altre spese facendo dei lavoretti. Ha dunque preso in affitto una casa e ha fondato l’EduPaçoca Institute, dove ha già salvato 22 cani e 4 gatti con l’aiuto di altri volontari.

Il rifugio si trova a ben 30km di distanza da casa sua e Eduardo non ha ancora potuto fare la patente. Per recarsi sul posto ogni giorno si arma di tanta pazienza e percorre la strada in sella alla sua bicicletta, oppure approfittando della gentilezza dei viaggiatori con l’autostop. Il desiderio di trovare una casa ai suoi amici animali non verrà certo ostacolato dalla distanza!

Il lavoro è notevole, con tante spese da sostenere: l’affitto della struttura e il pagamento di cibo e cure veterinarie per gli animali ospiti.

Fortunatamente Eduardo può contare sul sostegno della sua famiglia e di alcuni sponsor che lo aiutano nella sua virtuosa attività.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Eduardo Caiado (@megaedu1)

Contents.media
Ultima ora