×

Egitto: rigurgito di violenza

Dopo la massiccia partecipazione popolare al referendum costituzionale che ha modificato in senso più democratico l’assetto istituzionale del Paese, oggi la notizia di un passo falso sulla strada della crescita democratica per l’Egitto. La violenza è tornata a mietere delle vittime e il luogo simbolo della liberazione del popolo egiziano dal trentennio di regime targato Hosni Mubarak è stato il palcoscenico dei violenti scontri della scorsa notte. Piazza Tahrir ha “ospitato” i durissimi e ripetuti scontri tra alcuni gruppi di manifestanti e le forze di polizia, che hanno sparato sulla folla provocando 2 morti e centinaia di feriti, alcuni molto gravi. Le forze di sicurezza hanno detto di avere sparato in aria per disperdere i gruppi di manifestanti che erano rimasti sulla piazza dopo l’inizio del coprifuoco, al termine della manifestazione indetta per chiedere che Mubarak e il suo entourage vengano processati.

Stamani un autobus per il trasporto di truppe stava ancora bruciando su piazza Tahrir, dopo la battaglia, e ambulanze erano sulla piazza, che è stata completamente sigillata dalle forze armate anche con filo spinato. Ma alcune fonti mediche, poi confermate da dall’agenzia Mena che ha a sua volta ha riportato un comunicato del Ministero della sanità, hanno confermato la morte di due persone raggiunte da colpi di armi da fuoco.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche