×

Elezioni: è scontro su ipotesi Conte, Calenda pronto a sfidare leader M5S/Adnkronos

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 6 dic. (Adnkronos) – La faccenda è ancora ai 'se'. E il primo 'se' da sciogliere è quello legato alla volontà di Giuseppe Conte. Si candiderà al collegio di Roma 1? Fonti M5S fanno sapere che le perplessità superano le certezze, insomma 'più che no che sì'.

Alle 18 il leader M5S terrà una conferenza stampa e potrebbe chiarire le sue intenzioni. Tuttavia è bastata l'ipotesi per far saltare per aria il possibile 'campo largo' del centrosinistra. In testa Azione con Carlo Calenda pronto al duello con Conte se l'ex-premier M5S dovesse accettare la candidatura. Una sfida dall'esito incerto viste le percentuali ottenute dal leader di Azione alle recenti comunali nel I Municipio della Capitale.

E poi c'è Italia Viva con Matteo Renzi che parte subito all'attacco, Benedetto Della Vedova a chiarire che Più Europa non ci sarà se il Pd sostiene Conte e pure tra gli stessi dem la notizia dell'eventuale candidatura del leader M5S desta interrogativi.

La sensazione è che alla fine la faccenda si chiuderà da sola. Che Conte, insomma, deciderà di non correre alle suppletive a Roma. Ma intanto dalle parti di Base Riformista, l'area Guerini-Lotti del Pd, trapela un certo "stupore" per l'eventuale candidatura del leader M5S. Le perplessità non sarebbero legate al rapporto con i 5 Stelle o al nome dell'ex-premier, quanto alla praticabilità dell'operazione.

Una partita di difficile gestione, si avverte, che rischia di trasformare una 'indolore' elezione suppletiva in qualcosa di molto più complicato.

A una manciata di giorni peraltro dall'inizio delle votazioni sul capo dello Stato. Ed inoltre, l'operazione viene valutata come 'contraddittoria' rispetto al campo largo: mettere le dita negli occhi a Calenda, è la riflessione, non sarebbe esattamente la via maestra per allargare il campo del centrosinistra all'area di Azione.

Contents.media
Ultima ora