×

Energia: Bonelli, 'incontro Conte-Cingolani non ha risolto nulla'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 14 set. (Adnkronos) – “Il ministro Cingolani e’ come Zelig e cambia posizione a seconda degli interlocutori che ha di fronte, e’ il caso del nucleare di fronte a Italia Viva apre al nucleare di IV generazione, che non esiste, con l’ex premier Conte rassicura che non aprirà al nucleare".

Così il co-portavoce nazionale di Europa Verde, Angelo Bonelli.

"Non sappiamo quali garanzie Cingolani abbia dato a Conte sul nucleare ma sono i numeri che parlano e cioè che le attuali politiche energetiche e sul clima del governo porteranno l’Italia a raggiungere gli obiettivi europei con 29 anni di ritardo secondo lo studio della fondazione Enel e del Forum Ambrosetti. Le politiche di Cingolani sulla transizione ecologica- continua il leader dei Verdi- vanno nella direzione opposta a quella delineata dall’Europa e lo dimostrano le dichiarazioni di oggi del commissario UE Timmermans".

“Spiace dirlo -continua Bonelli- ma l’incontro di oggi di Conte e Cingolani lascia intatti tutti i problemi che abbiamo di fronte, ovvero di un ministro che ha dichiarato guerra all’auto elettrica, alle rinnovabili che pensa al deposito di CO2 per consentire a Eni di continuare a estrarre petrolio e che ha definito la transizione ecologica un bagno di sangue. Non si può usare l’ecologia come strumento di propaganda di fronte al disastro climatico in corso e con le bugie di chi dice che il rincaro della bolletta elettrica e’ colpa della transizione verde".

Contents.media
Ultima ora