Entro il 16 giugno bisognerà pagare TASI e IMU
Entro il 16 giugno bisognerà pagare TASI e IMU
Attualità

Entro il 16 giugno bisognerà pagare TASI e IMU

Il 16 giugno sarà per gli italiani il “tax day”, ovvero il termine ultimo per le famiglie italiane per pagare le tasse sulla casa, più propriamente l’IMU (Imposta Municipale Unica) e la TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili).

L’IMU si applica sulla componente immobiliare del patrimonio e comprende l’IRPEF, l’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, l’ICI, Imposta sugli Immobili, e le reltive addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari sui beni non locali.

L’IMU verrà pagata da chi possiede i cosiddetti “immobili di lusso”, che si stima siano intorno a 70.000, i quali verseranno IMU sulla prima casa più TASI.

Le prime case “non di lusso” sono invece normalmente esentate dall’IMU e soggette al pagamento solo della TASI.

Secondo i dati della Uil, entro il 16 giugno andrà pagata la prima rata della TASI, di un valore medio intorno a 90 euro, che per alcuni comuni però potrà raggiungere anche 200 euro.

Per la seconda rata i contribuenti verranno chiamati a versare la quota a metà dicembre.

In base alle delibere comunali, potranno essere esentati dal pagamento della TASI gli anziani aventi una casa ma ricoverati in case di cura e i figli, con Isee non superiore a 15 mila euro, che hanno ricevuto una casa in comodato gratuito.

Nei casi di affitto, infine, l’IMU viene pagata interamente da proprietario, mentre per la TASI l’inquilino contribuirà con un pagamento compreso tra il 10 e il 30% a seconda della delibera del proprio comune.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche