Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Banksy spiega come ha distrutto il quadro, ma non perché
Esteri

Banksy spiega come ha distrutto il quadro, ma non perché

Banksy

Banksy rivela di aver inserito nella cornice del quadro un distruggidocumenti. L'artista però non specifica di aver realizzato un happening.

Banksy in un breve video cerca di spiegare come ha distrutto la sua “Girl With Balloon” venduta all’asta per un milione di sterline da Sotheby’s. Il misterioso artista però non ha spiegato il perché, anche se è facile immaginarlo. L’opera infatti ora ha acquistato ancor più valore.

Banksy crea distruggendo

“La brama di distruggere è anch’essa un impulso creativo”, sottolinea Banksy citando Picasso. In un video il writer inglese spiega infatti come è riuscito a distruggere la sua “Girl With Balloon” venduta da Sotheby’s per oltre un milione di sterline. In un breve video pubblicato su Instagram, il misterioso artista di cui non si conosce ancora l’identità racconta di aver inserito “segretamente un paio di anni fa un distruggidocumenti dentro la cornice del quadro, nel caso fosse stato messo all’asta”.

Banksy non deve aver pensato che le pile nel frattempo si sarebbero scaricate, o forse sì. Le immagini successive, girate con un cellulare, mostrano solo il momento in cui il battitore dichiara venduto il quadro e la tela che esce dalla cornice ormai a strisce.

Il come Banksy abbia distrutto l’opera in realtà era apparso fin da subito molto chiaro.

Quel che l’artista non ha spiegato è il perché, anche se appare alla stessa maniera facilmente comprensibile. “Girl With Balloon” ha acquistato infatti ancor più valore poiché è diventata un happening, quella forma d’arte contemporanea che si focalizza non tanto sull’opera ma sull’evento realizzato. C’è chi dubita quindi che quella di Banksy sia stata davvero una protesta politica e che davvero nessuno ne fosse al corrente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche