USA, donna incinta uccisa: marito pubblica foto della salma
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
USA, donna incinta uccisa: marito pubblica foto della salma
Esteri

USA, donna incinta uccisa: marito pubblica foto della salma

moglie morta pubblica foto
moglie morta pubblica foto

In California un uomo ubriaco ha travolto e ucciso una donna incinta di otto mesi. Il marito infuriato pubblica foto della salma su Facebook.

Una donna incintab di otto mesi è stata investita da un autista ubriaco in California. Nonostante i tentativi dei medici, la donna è morta in ospedale e con lei la bambina che portava in grembo. Zach Kincaid, il marito, nonché già padre di altre tre figlie, ha usato Facebook per manifestare la propria rabbia e il proprio dolore per la difficile perdita subita. In un post ha infatti pubblicato le foto del funerale della donna. Nelle foto si vede la bara ancora aperta, con la salma della donna ben visibile.

La rabbia del marito della donna investita

Il marito della donna uccisa ha giustificato la sua scelta di pubblicare le foto del funerale e della salma con queste parole:”Pubblico queste foto affinché tutti sappiano quello che è successo a mia moglie e alla mia bambina“. Poi ha continuato “Il loro assassino resterà massimo 10 anni in carcere, molti in meno che se mia figlia fosse già nata. Come faccio a spiegare alle altre mie bambine questa ingiustizia? Ho dovuto dire loro che un ubriaco aveva ucciso la loro mamma.

Questa è la devastazione che ha lasciato nella mia famiglia. Non è per caso il momento di far cambiare la legge? Nessuno può girarsi dall’altra parte e fare finta di niente“.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti il responsabile della tragica morte Zach Kincaid, Marcos Forestal, si sarebbe messo alla guida dopo aver bevuto molto. In stato d’ebbrezza avrebbe quindi travolto la donna all’ottavo mese di gravidanza. Quando i soccorritori del pronto intervento sono giunti sul luogo la donna si trovava in stato gravissimo: a nulla sono valsi i tentativi dei medici. Il responsabile dell’incidente potrebbe vedere ridursi la sua pena dal momento che la bambina portata in grembo dalla donna non era ancora nata.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marta Lodola
Marta Lodola 745 Articoli
Classe 1994, nata e cresciuta a Milano. Laureata in Lettere, amante della storia. Giornalista d'aspirazione, educatrice e calciatrice per passione.