Insulti razzisti su aereo Ryanair: il video indigna il web
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Insulti razzisti su aereo Ryanair: il video indigna il web
Esteri

Insulti razzisti su aereo Ryanair: il video indigna il web

insulti razzisti

Quando si è accorto di dover viaggiare accanto ad una donna di colore un anziano ha dato in escandescenza. Ryanair denuncia l'accaduto alla polizia.

E’ diventato virale, facendo indignare molte persone, il video girato da un passeggero a bordo di un’aereo Ryanair. Su un volo partito da Barcellona e diretto a Londra un uomo infatti è andato su tutte le furie quando si è accorto che il posto accanto al suo era occupato da una donna di colore.

Insulti contro una donna di colore

L’anziano ha cominciato infatti a ricoprire la signora di insulti a sfondo razzista. L’uomo, inveendo contro la donna, è arrivato persino a urlarle contro “brutta nera bastarda”. La donna cerca, inutilmente, di calmarlo. L’obiettivo del’anziano era però uno solo: farla spostare di sedile. E alla fine sembra anche che ci sia riuscito.

Nel video si vede infatti che ad un certo punto interviene uno steward. Non riuscendo a tranquillizzare l’uomo, alla fine l’assistente di volo ha chiesto quindi alla donna la cortesia di cambiare posto. Ciò ovviamente ha scatenato molte polemiche prima su Facebook e poi su Twitter, dove il filmato continua a circolare.

Tanti pensano infatti che lo steward avrebbe dovuto invece far scendere l’uomo, così come d’altronde era stato chiesto anche da alcuni passeggeri che hanno assistito alla scena.

Alla fine, Ryanair è stata costretta a puntualizzare su Twitter di essere a conoscenza del video e di avere riportato l’accaduto alle forze dell’ordine. “Abbiamo riferito di questo episodio alla polizia dell’Essex – si legge in una breve nota della compagnia aerea – e dal momento che ora la questione è in mano alle autorità non possiamo rilasciare ulteriori commenti”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche