×

Elezioni Midterm Usa: tutti gli aggiornamenti e i risultati

L'America al voto. Trump ha tenuto l'ultimo comizio in Indiana prima delle elezioni Midterm per i seggi di Camera e Senato e per i governatori.

Elezioni Midterm Usa
Elezioni Midterm Usa

Il partito democratico esce rafforzato dalle elezioni Midterm. I dem, dopo otto anni, hanno riconquistato la Camera dei deputati. Secondo i sondaggi pubblicati dai principali media americani (tra cui Cnn e Abc), “l’onda blu” è riuscita a ottenere tutti i 23 seggi che servivano per strappare al Grand Old Party la maggioranza alla Camera bassa.

Gli esperti sostengono che, al termine degli scrutini, i deputati dem eletti potrebbero essere 35. Il partito repubblicano resiste, invece, al Senato. Il GOP è infatti riuscito a registrare due importanti vittorie in Texas e Florida, Stati chiave per la composizione della Camera alta.

Inizia per Donald Trump un biennio difficile, in cui dovrà fare i conti con un’opposizione più dura in Parlamento. I media americani parlano della fine di un “biennio monocolore” per il tycoon.

La maggioranza dem della Camera renderà infatti più complicato per l’amministrazione repubblicana far approvare le leggi. Il presidente ha comunque parlato dei primi risultati come di una “grandissima vittoria” e ha ringraziato, via social, i suoi elettori. Esultano anche i democratici. La capogruppo dem Nancy Pelosi ha commentato: “Domani è un giorno nuovo per l’America”.

Trump alla vigilia del voto

Il presidente Donald Trump ha scelto l’Indiana per il suo ultimo comizio prima del voto alle elezioni Midterm.

L’America è di nuovo rispettata in tutto il mondo. I tempi in cui si approfittavano di noi sono finiti”, ha detto a Fort Wayne, dove quella che il tycoon ha definito una “folla massiccia” si è radunata nel Allen County War Memorial Coliseum. “Ora avete un presidente che lotta per il nostro Paese, Paese che invece i democratici voglio distruggere“, ha continuato Trump. “Ma noi non lo permetteremo, non molleremo mai e non ci arrenderemo mai. E vinceremo, perché noi siamo veri americani”. “Siete stati leali e fedeli al vostro Paese, e ora avete un presidente che è leale e fedele a voi”, ha scritto Trump su Twitter. “Domani uscite di casa e votate per il Partito Repubblicano!”

Trump in Indiana

Sondaggi e risultati

Il mandato di Trump scade tra due anni, ma agli americani alle urne è chiesto, di fatto, di esprimere un voto sulla prima fase della sua presidenza. In gioco ci sono i 435 seggi della Camera e 35 (su 100) del Senato. Si sono avverate le stime secondo cui il partito democratico aveva buone probabilità di ottenere la maggioranza alla Camera (una possibilità stimata all’84.5%), ma scarse al Senato (solo il 15%). Secondo gli analisti, per i seggi al Senato i voti davvero rilevanti saranno quelli che provengono dai seguenti Stati: Arizona, Florida, Indiana, Missouri, Montana, Nevada, New Jersey, North Dakota, Tennessee, Texas e West Virginia. I dem hanno perso due battaglie importanti in Texas e Florida. Nei due Stati, hanno vinto, rispettivamente, i repubblicani Ted Cruz e Rick Scott. In Texas è stato sconfitto Beto O’Rourke, giovane esponente dem da molti considerato come un nuovo Obama. Vittoria democratica, invece, nello Stato di New York, dove Alexandria Ocasio Cortez è la più giovane deputata eletta alla Camera.

Durante le elezioni Midterm vengono eletti anche i governatori di 36 Stati. In Georgia, per i democratici ha corso Stacey Abrams, che sarebbe potuta diventare la prima donna afroamericana a governare lo Stato. Ha ricevuto il supporto di diversi personaggi pubblici di rilievo, tra cui Oprah Winfrey. Ma questo non le ha garantito la vittoria: ha perso contro il repubblicano Brian Kemp.

Facebook blocca 115 account

Alla vigilia del voto, Mark Zuckerberg ha annunciato che la sua società ha bloccato 30 account su Facebook e 85 su Instagram, per un totale di 115 profili. Gli account bloccati sono sospettati di aver cercato di interferire con il voto delle elezioni Midterm. Secondo il fondatore di Facebook, è possibile che si tratti di influenze provenienti dall’estero.

Giornalista pubblicista classe 1994, nata in provincia di Monza e Brianza, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Lisa Pendezza

Giornalista pubblicista classe 1994, nata in provincia di Monza e Brianza, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora