Sudafrica, donna ferita denuncia: picchiata dalle infermiere
Sudafrica, donna ferita denuncia: picchiata dalle infermiere
Esteri

Sudafrica, donna ferita denuncia: picchiata dalle infermiere

Si sveglia dal parto piena di lividi: picchiata dalle infermiere
Mavis Sikhosana e il figlio

Sudafrica, i media riportano la storia di Mavis Sikhosana. La 28enne si è svegliata dal parto piena di lividi e ferite: picchiata dalle infermiere.

Una donna di ventotto anni di Soweto, area urbana della città di Johannesburg in Sudafrica, ha denunciato l’ospedale per maltrattamenti. La donna ha infatti riportato di esser stata picchiata dal personale dell’ospedale e di esser stata lasciata completamente da sola al momento del parto. La donna ha raccontato la sua storia ai media locali, che la stanno diffondendo in tutto il paese. Mavis Sikhosana ha spiegato che, quando si è svegliata dopo aver partorito, aveva il corpo ricoperto di ferite e lividi, di cui ancora porta i segni.

Picchiata dalle infermiere mentre riposava

Stando a quanto Mavis Sikhosana ha raccontato ai media locali, le violenze sarebbe iniziate anche prima del parto. “Mi sono addormentata nel letto dell’ospedale e sono stata bruscamente svegliata da un’infermiera, che nonostante stessi molto male mi ha imposto di pulire il mio vomito sul pavimento” ha raccontato la ventottenne. Da quel momento la situazione è peggiorata. Mavis Sikhosana ha infatti iniziato ad avere forti contrazioni che preannunciavano il parto, ma le infermiere non l’hanno aiutata: hanno continuato a denigrarla e insultarla.

La donna ha partorito da sola, senza l’assistenza del personale medico dell’ospedale sudafricano.

Dopo aver partorito si è svegliata dolorante, con il viso e il corpo pieno di ferite. Secondo la versione della donna sarebbero state le stesse infermiere che prima l’avevano insultata e umiliata ad averla aggredita durante il sonno. Per sapere se le accuse di Mavis Sikhosana siano fondate bisogna attendere gli esiti delle indagini, iniziate a seguito della denuncia sporta dalla donna.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche