×

Giordania, Petra inondata: maltempo causa 11 vittime

In Giordania piogge abbondanti come mai prima da decenni hanno causato varie inondazioni. Allagata anche l'antica città archeologica di Petra.

Petra, Giordania

Il maltempo si abbatte anche sulla Giordania. A causa delle abbondanti piogge nel Paese ci sono state una serie di inondazioni e alluvioni, che hanno causato 11 vittime. Allagata anche l’antica e famosa città archeologica di Petra. Una sorta di fiume di fango si è infatti riversato nel canyon che attraversa le rovine, con i turisti che hanno dovuto mettersi in fretta al riparo per evitare di venire travolti.

Piogge come mai da decenni

Il governo di Amman, capitale della Giordania, ha reso noto di aver predisposto in questi giorni l’evacuazione di ben 4mila persone. Tra questi anche molti turisti, rimasti bloccati dalle inondazioni. A causa delle alluvioni che hanno devastato il Paese, nei giorni scorsi sono morte cinque persone nella zona di Madaba, a sud-ovest della capitale Amman.

Ci sono state invece altre tre vittime vicino a Dabaa mentre una ragazza è rimasta travolta e uccisa dalla furia delle acque a Maan, nel sud del Paese.

Quasta mattina invece i soccorritori hanno ritrovato il corpo di una bimba e quello di un sommozzatore della protezione civile locale. Si cercano ancora invece le sorelline della bimba, che erano in auto con il padre a Madaba quando la famiglia è stata colta all’improvviso da un’inondazione.

Gli esperti spiegano che in Giordana da decenni non si vedevano fenomeni meteorologici simili. Già il 25 ottobre 2018, le forti piogge avevano provocato inondazioni che avevano ucciso 21 persone nella zona del Mar Morto, tra cui molti studenti e insegnanti a bordo di uno scuolabus trascinato a valle dalla corrente.

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Paola Marras

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora