×

Parigi, nuova manifestazione dei gilet gialli: 10 feriti

I gilet gialli sono scesi nuovamente in strada contro il caro carburante. Champs Elysees interdetti al traffico e presidiati da circa 5mila agenti.

gilet gialli

Centinaia di persone sono scese sugli Champs Elysees per manifestare. Un gruppo ha accettato di farsi perquisire e ha sfilato in corteo, mentre un secondo gruppo si è sposato verso l’Arco di Trionfo dove c’è stato uno scontro con la Polizia. Sedici persone sono state fermate. Si tratta della terza manifestazione
contro il caro carburante. E’ massiccia la presenza della Polizia. Gli Champs Elysees sono stati interdetti al traffico automobilistico, mentre è libera la circolazione dei pedoni. Si tratta di una manifestazione non autorizzata per cui è previsto un dispiego di 5 mila uomini appartenenti alle forze dell’ordine.

Manifestanti divisi

In occasione della manifestazione del 1 dicembre, la Polizia ha creato barriere per la perquisizione dei cittadini. Non tutti i manifestanti però hanno accettato di essere perquisiti e si sono quindi creati due gruppi.

Uno sta sfilando in modo pacifico, mentre con il secondo gruppo sono nati tafferugli che hanno portato a scontri e fermi da parte degli agenti. I primi fumogeni sono stati lanciati attorno alle 8.45, ma l’uomo che li ha lanciati è stato subito messo a terra dagli agenti. Questo ha aizzato gli altri manifestanti che hanno lanciato altri fumogeni verso l’Etoile, l’ultima zona aperta alla circolazione. Alcuni gilet gialli si sono poi dileguati con il volto coperto.

Altre manifestazioni sono state segnalate in diverse parti della Francia, soprattutto sulle autostrade. In particolare la situazione è critica nella zona di Tolosa.

Chi sono i gilet gialli

Si tratta di un movimento spontaneo di protesta nato da cittadini in rivolta contro il caro carburante. Il simbolo scelto dai manifestanti è proprio il giubbino indossato dagli automobilisti in caso di incidenti o guasti, da qui il nome ‘gilet gialli’.

Ciò che lamentano è la scarsa considerazione che le politiche governative hanno nei confronti dei cittadini. L’iniziativa è partita da un video postato su Twitter da una signora della Bretagna, che ha totalizzato 6 milioni di visualizzazioni.

Il movimento è sceso in strada per la prima volta il 17 novembre 2018 dandosi appuntamento in circa 600 città francesi. A sostenere la protesta sono stati anche Marine Le Pen e Jean-Luc Mélenchon, rispettivamente leader della destra e della sinistra francese.

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche