> > Messico, gli indios celebrano il presidente López Obrador

Messico, gli indios celebrano il presidente López Obrador

López Obrador

Davanti ad almeno 120.000 persone, il presidente messicano López Obrador ha partecipato a una nuova investitura presidenziale da parte degli indios

Andrés Manuel López Obrador è il leader che ha incantato il Messico.

Contro la corruzione, per la redistribuzione delle risorse, nemico delle élite di potere, dei privilegi e dei raccomandati. Obrador si è detto pronto a combattere il serio problema del narcotraffico. Il nuovo presidente vuole offrire ai giovani possibilità alternative al mercato della droga. E’ alleato del poverissimo sud del Paese, mentre strizza l’occhio al potente nord che confina con il Texas.

Dopo aver ricevuto ufficialmente l’investitura presidenziale nel Parlamento del Messico, Andrés Manuel López Obrador si è recato nella storica piazza del Zocalo a Città del Messico.

Davanti ad almeno 120.000 persone, ha partecipato a una nuova investitura presidenziale da parte di leader delle popolazioni indigene originarie messicane.

Indios celebrano López Obrador

Una svolta storica per il Messico. L’investitura presidenziale è avvenuta attraverso una solenne cerimonia di purificazione e la consegna di un bastone di comando di cedro benedetto. Rivolgendosi alla popolazione “Amlo”, appellativo con cui lo chiamano i messicani in base alle iniziali del suo nome, ha parlato degli impegni che vuole prendere per “trasformare in realtà la quarta trasformazione del nostro Paese”.

E sulla cerimonia ha commentato: “Io mi sono sottoposto a una purificazione, ma ora viene il momento più importante: vogliamo la purificazione della vita pubblica del Messico“. Di fronte a voi, ha proseguito, “mi impegno a non mentire, non tradire e non tradire il popolo del Messico”.

López Obrador

Il primo dicembre López Obrador si è insediato come nuovo presidente e capo di governo del Messico, dopo avere ottenuto più del doppio dei voti del suo rivale alle elezioni dello scorso luglio. Il nuovo Congresso si è invece insediato all’inizio di settembre: il partito di López Obrador ha la maggioranza sia alla Camera sia al Senato.